8 maggio 2010

Piccoli negozi e Megastore

Tempo fa lanciai una proposta a gli utenti del gruppo fb di questo blog chiedendo ispirazione per nuovi post. Uno tra i più interessanti e attinenti all'argomento modaiolo è arrivato da Claudia, che mi proponeva delle riflessioni sui Megastore e i piccoli negozi. Vediamo cosa ne esce fuori.

Foto di Primark a Londra (Primark, London)

Negli ultimi tempi mi capita di vedere un vertiginoso cambio della moda. Come mai prima d'ora. Da un pò di tempo a questa parte nonostante si vada in giro a dire che ne l paese c'è crisi, siamo sempre più spinti a spendere.
Tempo fa girando per il centro c'erano un sacco di negozi storici, parlo ovviamente della mia città perchè è la realtà che vivo. Con il passare del tempo però questi piccoli o medi negozi hanno cominciato a chiudere i battenti in favore di altri tipi di investimenti.
Da quando hanno costuito un grande centro commerciale con negozi, cinema, bar, salagiochi ecc. tutti coloro che prima si recavano in centro il sabato per il consueto giretto di shopping, adesso vanno tutti dalla parte opposta della città, indebolendo così l'economia dei negozi del centro.
I Megastore sono qualcosa di bello per davvero perchè per la loro magnificenza attirano un sacco di pesone. Solo che così facendo si perdono le piccole cose: la chiacchiera con l'amico per recarsi da un posto ad un altro, vedere uno scorcio di città durante il viaggio, venire a contatto con tipi di arredamento diverso ecc.
Purtroppo con l'evolversi del commercio, l'entrata in libreria di un tipo di letteratura che usa sempre più spesso la parola "shopping" o "fashion" , il cinema che si adegua e propone pellicole dove le attrici si vestono all'ultima moda e come protagonista c'è sempre una ragazzina super viziata che corre dietro all'ultimo capo di Chanel; ci creiamo attorno un universo di plastica (non a caso le ragazze che seguono la moda vengono spesso associate a un soggetto particolare), che porta sempre più a desiderare qualcosa che non ci serve ma che vogliamo a tutti i costi perchè è un must have.
Prima tutto ciò non esisteva, potevi tranquillamente uscire di casa senza comprare nulla e soprattutto senza sembrare un pezzente. Adesso ho l'impressione che la gente si sia lasciata prendere un pò troppo la mano e sia davvero pazza per lo shopping, compra cose stupide, inutili, e soprattuto cose di cui non ha bisogno. Mi chiedo poi dove la gente abbia lo spazio per mettere tutto quello che prende.
Prima si doveva avere pazienza anche per prendere delle scarpe, mettersi i soldi da parte, o apsettre il compleanno o il Natale per avere quella cosa, ora seee, devi averlo subito sennò passa di moda e chi ti si fila più se vai in giro con le scarpe della staigone precedente?

A me piace farmi il giro dei negozi, ma sono anche una persona che ama guadare senza comprare. Mi piace metabolizzare ciò che vedo e valutare se davvero può essemri utile. Gli sfizi me li tolgo anche io ok, ma neanche passo le mie giornate a spendere. Anche perchè non ne ho la possibilità. Quello che prendo preferisco sudarmelo un pochetto. Non è questo il bello? Arrivare alla meta piano piano senza bruciarsi le tappe? Non era bello andare a fare spese con i genitori e supplicare col sorriso sulle labbra un bel reglo di Natale e attendere con ansia quel momento, piuttosto che vedere orde di minorenni in piena tempesta ormonale atteggiarsi come adulti al centro commerciale che tengono per mano la busta (no...stavolta non dirò shopper!) dell'Adidas o di Angel&Devil?

Speriamo che sia uscito qualcosa di sensato.

22 commenti:

  1. I grandi centri commerciali stanno pian piano invadendo le città,. ma difficilmente credo che i cari e vecchi negozzi del centro vadano in estinzione, in fondo per negozi non si va solo per fare compere... infondo come dici anche tu è bello guardare anche senza comprare e quale cornice è meglio del centro storico per questo :)

    RispondiElimina
  2. aaah quanto sono d'accordo con te!! Regala proprio soddisfazione un acquisto sudato.

    Per quanto riguarda i piccoli negozi, mi dispiace dirlo ma verranno tutti schiacciati dai giganti centri commerciali. Troppo difficile competere.

    RispondiElimina
  3. Sono a favore dei megastore e centri commerciali... nel senso di ISOLE dello shopping :p ... così come gli Outlet! ...ma i negozi in centro devono continuare ad esistere... vuoi mettere a natale le vie principali senza adobbi dei negozi? ...Sono un'istituzione! :) Kiss

    RispondiElimina
  4. Qui al nord l'invadenza dei centri commerciali è ancor più marcata che da voi nel centro-sud. Ovviamente a risentirne non è tanto il fashion quanto gli altri generi, specialmente gli alimentari.
    Cmq restando nel fashion, soprattutto x Milano, voglio segnalare solo 2 fenomeni che nell'ultimo decennio hanno modificato la fisionomia del centro:
    1) la scomparsa dei negozi plurimarca, cioè quei piccoli negozi, in genere a conduzione famigliare che vendevano diverse marche. Ora ci sono solo negozi monomarca, non solo le griffe, ma anche nel casual: Guess - Diesel - Alcott - Tommy Hilfigher - Il primo fu Benetton..
    2) la comparsa di H&M e Zara che aprendo i loro megastore in luoghi prestigiosi del centro, hanno praticamente scalzato le boutique per pochi eletti, e insidiato le griffe della moda. Collezioni accattivanti che si rinnovano di mese in mese e non seguono la stagionalità classica A/I P/E, prezzi imbattibili, hanno consentito ai giovani l'accesso allo shopping in luoghi come Corso Vittorio Emanuele e Piazza San Babila, dove prima imperversavano le boutique per signora tipo Luisa Spagnoli, mentre i giovani erano relegati in via Torino, nelle jeanserie a buon mercato, che vendevano un po' tutte le marche..

    Scusa, ma tu devi chiedere ad altri ispirazione per nuovi post? Io scrivo solo se ho qualcosa da dire di mio.. Se non ho niente da dire non scrivo..

    RispondiElimina
  5. D'accordissimo... I regali aspettati e sudati sono davvero i più graditi e apprezzati... Che gusto c'è ad avere tutto subito?
    Per la questione dei piccoli negozi e dei grandi centri commerciali, preferisco di gran lunga i primi. I grandi centri mi disorientano. Preferisco entrare in un piccolo negozio dalle cose ricercate, selezionate, e camminare felice dall'uno all'altro :D
    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Secondo me sn indispensabili entrambi

    RispondiElimina
  7. Beh io sono a favore dei negozi normali. Ma purtroppo mi rendo conto che sempre più ci hanno invaso i megastore ed è impossibile non metterci piede. Per un modo o per un altro ci vai eccome, come dice KARL. I prezzi non sono alti e sono accessibili a tutti quanti.

    @GABRIELLA: Come mai dici che entrambi sono indispensabili?

    @KARL: Rispondo alla tua domanda dicendoti che no, non ho bisogno di chiedere ispirazione ad altri a volte lo facci anche per sondaggio per vedere se in un dato momento qualcuno è interessato a sapere come la penso su qualche argomento. Poi è ovvio che faccio di testa mia. =)

    @MARINA&CAMILLA: Il problema è che spesso i PICCOLI negozi non esistono più. Da me ne esistono pochissimi, quelli piccoli che mi piace ancora visitare è quello dove hanno le cose a 1 o 2 euro...e lo trovo molto carino, ideale per i pensierini di Natale.
    Con l'andare del tempo sto seriamente rivalutando il mercato rionale. Con un pò di pazienza.

    @GUY: Assolutamente no, a Natale DEVONO esserci gli addobbi per forza. Farsi il giro delle botteghe è davvero favoloso...e girare un centro commerciale sminuirebbe tutto quanto!
    Di OUTLET vorrei andare a quello di Barberino del Mugello...a quanto so è come un piccolo villagigo della moda...e so che non ne uscirò vivo! =)

    @VERONICA: Proposte per combattere l'incombere dei centri commerciali?

    @MAJIN: Purtroppo alcuni qua da me hanno chiuso peroprio per questo motivo. Lo sviluppo del commentcio mette in crisi il piccolo artigiano. Tutto viene fatto in serie e più alla svelta e sempre più peccano di originalità.

    RispondiElimina
  8. Il centro commerciale e i mega-store hanno una clientela diversa.
    A me i centri commerciali fanno orrore e non ci metto piede, sono frequentati soltanto da persone di basso livello.
    Per me lo shopping esiste solatnto nel centro storico!

    RispondiElimina
  9. Hi!

    I don't understand what ur writing but...
    why don't they have PRIMARK where I live?

    :(


    http://lovelylauralovely.blogspot.com

    http://lovelylauralovely.blogspot.com

    http://lovelylauralovely.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Io nella mia citta' non faccio proprio shopping, ne' nei negozi del centro storico ne' in quelli del centro commerciale... saro' snob ma mi sembra tutta roba orrida!
    Ma francamente anche quando faccio shopping in qualche grande citta' non sono una fanatica dei centri commerciali (a parte i giganteschi Mall di Dubai, ma quelli non fanno testo :-P).
    A me continuano a piacere i negozi, continua a piacermi passeggiare per le strade di una citta', guardare le vetrine, mettere e togliere gli occhiali da sole, oppure aprire e chiudere l'ombrello. Continua a piacermi cercare quel tal negozietto di cui ho sentito parlare, magari con indirizzo e numero civico alla mano.
    Non mi piacciono i capi omologati che portano tutti, ne compro qualcuno naturalemten come fanno tutti, ma preferisco fare anche qualche "ricerca", scovare qualcosa di carino ed originale: guanti artigianali, un vestitino di un giovane designer, un gioiello strano.
    I centri storici che si svuotano e le serrande abbassate per sempre mi mettono tristezza, sono solo un altro segno della crisi.Cosi' come i brutti centri commerciali stra-pieni.
    Un bacione e buon inizio settimana :-***

    RispondiElimina
  11. @LIVORNESE: Beh io credo che ormai al centro commerciale ci sia gente di qualsiasi tipo, anche se proliferano i bimbi delle medie che corrono di qua e di la. Pure io sono a favore del centro storico.

    @LOVELYLAURA: I love Primak! C'è roba carina, se sai dove cercare e a un prezzo veramente basso.

    @BAILING: Io la penso come te, solo che neglu ltimi tempi siamo davvero invasi ed è quasi impossibile abitando in città di non metterci piede. Una vera fida. Aprono e chiudono negozi alla rapidità della luce, ma nulla di invidiabile, qua i negozi monomarca delle grandi griffe non esistono... =(

    RispondiElimina
  12. Avevo letto su un libro scritto da uno psicologo che il centro commerciale è il luogo di solitudine di una persona, e un pò condivido: un posto dove incroci una marea di gente ma senza averci a che fare, tutti lì per spendere cash ma ignorando l'un l'altro...io sono ancora una fan delle passeggiate in centro!

    RispondiElimina
  13. concordo. in pieno. con tutto. la penso esattissimamente come te! Non saprei che altro aggiungere! Bravo!

    RispondiElimina
  14. @NATHALIE: Beh anche secondo me è così. E' vero anche però che pure dentro un negoizo dei solo, non conosci tutti quelli che ci sono. Nei negozi è ovvio che ci vada per spendere ma la cosa che mi da fastidio è una società che ti sprona a fare solo quello. Non ti invita allo stesso modo a leggere un giornale, scattare una foto, leggere un libro interessante...ti invita solo a riempirti di cose che passano di moda troppo velocemente e di cui spesso non hai neanche bisogno.

    @GUADY: Spero di sentirti presto,mi mancano le nostre spettegolate! =)

    RispondiElimina
  15. Credo che il centro commerciale sia una cosa molto comoda; ci vado quando so che devo comprare molte cose e in fretta, quando non ho molto tempo per gozzovigliare davanti alle vetrine o camminare chilometri per raggiungere un determinato negozio che magari si trova solo in pochi posti. Nel centro commerciale puoi prendere alla svelta tutto quello che ti serve e sbrigare tutto in un paio d'ore invece che in due giorni.
    Ciò nonostante credo che siano un po' una coltellata per le piccole attività, soprattutto nei centri delle piccole città, dove l'afflusso di persone è dato soprattutto dalla popolazione locale e limitrofa, dove quindi l'apertura di un grande centro commerciale andrebbe sicuramente a danneggiare i piccoli negozianti. E' anche vero però che nei negozi del centro a volte le cose costano di più (con tutte le buone ragioni che ci sono dietro) e quindi in tempi come questi magari è meglio andare al centro commerciale o all'outlet dove si potrebbe anche trovare qualche buona occasione.
    Vivo a Roma, qui abbiamo tre grandissimi centri commerciali, molti centri commerciali di media dimensione e due grandi outlet: nonostante ciò il centro non ne risente molto: il grande afflusso di turisti e di ragazzi (soprattutto adolescenti) che solca le vie del centro non fa mancare il commercio alle attività delle vie che da sempre sono il simbolo dello shopping romano. A Natale poi per le vie del centro non ci si cammina proprio, pare che si aprano le gabbie!

    RispondiElimina
  16. @CEPOREX: Grazie prima di tutto per approdare qua ogni tanto.
    Quello che dici tu è vero, ma conta anche che tu vivi in una grande città, nella capitale d'italia. Nelle città minori dove di turismo ce n'è davvero poco, non possiamo contare solo sulla popolazione per il commercio, e se il sabato pomeriggio ci spostiamo tutti al centro commerciale, nel centro ci resta davvero poca gente.Anche a me piace girovagare per il centro, però siamo sopraffatti dalla comodità e quando in inverno fa freddo chi non vorrebbe andare al calduccio del centro commerciale...o in estate con l'aria condizionata?
    E' un'arma a doppio taglio caro mio. Il Natale salva un pò tutti. Ma per il resto dell'anno è una vera battaglia.

    RispondiElimina
  17. Ciao Rano, dopo un pò di ricerca sono riuscito a sapere il nome del ragazzo del post del 5 maggio, è il modello Jonathan Smith e in questo link ci sono altre sue foto:

    http://londoncallingluv.blogspot.com/2008/12/jonathan-smith-i-do.html

    RispondiElimina
  18. Ciao Loran!! Non ci posso credere che hai trovato il nome e che soprattutto hai avuto la pazienza di cercare! Ti ringraizo moltissimo! Corro ad aggiornare il post con suo nome!
    Come posso vedere il tuo blog?

    RispondiElimina
  19. Ciao Rano, è stato un vero colpo di fortuna, dopo aver scaricato le foto ho scoperto che erano del 2008 sono andato nel blog dell'link che è uno di quelli che guardo regolarmente, sono andato a qull'anno e dopo alcuni post è comparso quello con le foto del modello, non potevo quasi crederci.
    Mi dispiace ancora non ho un blog, comunque se ne farò uno te lo farò sapere.

    RispondiElimina
  20. @LORAN: Madonna se come la CIA allora! Eh si dai fammi sapere se apri un tuo blog, sono curioso di vedere cosa scrivi!
    Se nel frattempo passi da qua sappi che sei sempre il benvenuto.

    RispondiElimina
  21. Più che scrivere me la cavo meglio con la pittura e il disegno, in questo sito puoi vederre alcuni miei quadri.

    http://www.matimage.it/

    RispondiElimina
  22. @LORAN: Wow, anche tu sei un artista! Corro a vedere il tuo sito allora.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...