6 giugno 2010

2046 by Wong kar wai


Sono settimane ormai che ho visto questo film e siccome avevo promesso di parlarne ho pensato che stesse diventando inbarazzante questa attesa, quindi eccoci qua: 2046.

La trama: Premetto che l'ho visto ad un'ora indecente dopo 5 ore di prove in teatro, quindi nessuno si offenda se qualcosa è sfuggito o non ho colto l'essenza di qeusta pellicola.
In breve è la storia di un amore ossessivo, un pò come le paure di cui parlava Freud che "ritornano". Un uomo che, trovata la donna da amare, ne resta abbagliato per tutta la vita.
Ma il vero personaggio di questo film è l'appartamento 2046 dell'Oriental Hotel, che ospita al suo interno i personaggi della storia

Il mio giudizio: Un trama breve per un film dai tempi a cui noi occidentali siamo poco abituati. La storia è molto coinvolgente e piena di fascino, psesso però di perde di vista il vero filo conduttore per i continui salti in avanti e indietro della storia che spesso confondono lo spettatore. I tempi lenti non aiutano lo spettatore abituato ad azione e colpi di scena. Qua ce ne sono pochi. Il punto forte di questo film sono le inquadrtature, vere e proprie opere d'arte, sembrano quasi dei quadri. Codificare queste immagini non è semplice.
I personaggi sono molto sfaccettati e introspettivi. La voce narrante del protagonista è onnipresente e ci accompagna per tutta la durata del film, speigandoci che l'amore è qualcosa di cui non è possibile fare a meno. Un film poetico come non ne vedevo da tempo, ma molto impegnativo.

Vi consiglio di guardarlo perchè mettere per iscritto questo film è veramente un'impresa.
E come sempre...fatemi sapere.

P.S: Bellissimi i tacchi della protagonista femminile sul pavimento...

17 commenti:

  1. Sai quanto mi piacciano i film orientali e questo a giudicare da quanto scrivi e dal trailer sembra essere davvero interessante... mi sa che prima o poi me lo vedo :)

    RispondiElimina
  2. Dello stesso regista ho visto Happy Together e In the Mood for Love, questo ancora non l'ho visto.
    Devo dire che il film orientali a volte sono un pò difficili per noi ocidentali perchè si fatica ad entrare nelle dinamiche dei personaggi, dettate da una serie di regole ed etichette sociali, però la visione è anche molto affascinante quando si ci lascia trasportare dalle immagini, dalla musica e dai tempi dilatati di ogni singola scena.

    RispondiElimina
  3. Mi dimenticavo, ho da poco scoperto questo sito dove si possono scaricare o vedere in streaming film e serie tv, e c'è anche questo.

    http://www.streaming-ital.com/

    RispondiElimina
  4. @MAJIN: Per curiosità devi vederlo, per me è stato così. Devo ammettere che anche se sono allenato, questo film vuoi per la durata vuoi per la trama, mi ha messo a dura prova. Fammi sapere che ne pensi.

    @LORAN: Esattamente. Questo tipo di film è di difficile comprensine se si vedere con occhi orientali. Dobbiamo tener presente che non siamo nella nostra epoca e non abbiamo di fronte una storia lineare. E' faticoso questo tipo di film e purtroppo la soglia di attenzione delle persone, col mondo di oggi, si è davvero abbassata. LA massa non capirebbe questo tipo di narrazione!
    Non conoscevo il sito per i film e le serie tv...credo che ne farò largo uso!

    RispondiElimina
  5. Sono estasiata tesoro!
    Hai colto in pieno l'essenza del film: l'amore sempre con i tempi sbagliati che alla fine diventa ossessione (il protagonista incontra la donna della sua vita nell'antefatto che è narrato nel film "In the mood for love" e in questo "2046" che ne è l'epilogo cerca continuamente il fantasma della sua amata in altre donne, senza mai riuscire ad amarle veramente o ad esserne riamato); l'importanza dei dettagli, delle inquadrature, delle musiche (io trovo le musiche di questo film assolutamente DI-VI-NE!!).
    La storia decisamente non è facile da seguire per vari motivi: perchè l'antefatto è narrato in un altro film, perchè ci sono continui flash back, perchè il montaggio è decisamente caotico (il regista ci ha lavorato per anni e addirittura il film è stato presentato a Cannes con un montaggio non definitivo!).
    Però la fotografia è incantevole e che vogliamo dire del protagonista?!?
    Bè io rimango sempre senza fiato a vedere Tony Leung in questo film!
    Mi fa pensare al Clark Gable di via col vento, ma ancora più affascinante e più canaglia!
    E che mi dici della mia Bai Ling?
    Piaciuto il suo personaggio?!?
    Io la trovo terribilmente affascinante e triste.
    Le ultime scene specialmente, quando si incontrano di nuovo dopo molti mesi e lei, nonostante sia praticamente in miseria, ha ancora tutti i dollari che aveva conservato in quella scatola sotto il letto... e alla fine gli chiede "perchè non possiamo tornare indietro?"
    Ogni volta che lo rivedo (e sarò almeno alla sesta visione!) finisco con il piangere!

    RispondiElimina
  6. In the mood for love l'ho visto ieri. E ho capito che era il PRE. La difficoltà di questo film è anche la durata, dura più di due ore e questo tipo di narrazione così lento, è davvero faticosa. Il film è molto bello ma devi essere riposato per vederlo.
    In the mood for love è molto più seguibile e comprensivo, senza sbalzi avanti e indietro, a parte il finale.
    Non so se ce la farei a rivederlo!!

    RispondiElimina
  7. Son curiosa di vederlo....
    dato che sono una videotecomane dipendente credo che presto lo guarderò...
    kiss e buona serata!!!

    RispondiElimina
  8. Quello che mi interessa è il vostro giudizio! Fatemi sapere ok?

    RispondiElimina
  9. Dai una visione è più che sufficiente... mi accontento :-P

    Volevo avvisarti che sabato e domenica prossimi sarò a Firenze per l'evento di Luisa via Roma... non è che ci sei anche tu?!?

    RispondiElimina
  10. Mi piacerebbe moltissimo, ma per l'appunto domenica sera ho l'ennesimo spettacolo e credo che sarò impegnato con le prove. Uffa... come ti invidio!

    RispondiElimina
  11. Uffi... non riesco a vedere nessuno di voi :-(((
    Musadinessuno c'è solo di venerdì e tu non vieni per niente :-(((
    Sigh...
    A fine estate però organizziamo una giornata di shopping noi tre insieme magari al The Mall, ok?!
    Un baciotto :-***

    RispondiElimina
  12. Ci conto! Anche io voglio andarci...pensa che non ci ho mai messo piede e sono troppo curioso! Tu fammi un bel resoconto dell'evento a Firenze ok?

    RispondiElimina
  13. Non l'ho visto.
    Cerco di rimediare questo week end.

    Grazie per la segnalazione.

    Ti faccio sapere come l'ho trovato ;)

    RispondiElimina
  14. io sto facendo un corso all'univeristà sul regista Wong Kar Wai, è molto più comprensibile di quanto si creda sapendo più cose su di lui e sul suo cinema, per capirlo meglio se ti interessa leggi "Wong Kar Wai" di Silvio Alovisio e per capire meglio questo film guarda Days of Being Wild e In the mood for love e la trama sarà molto più chiara! (Una scorsa alla storia di Hong Kong terra madre del regista può aiutare per capire qualsiasi suo film!!)
    baci!

    RispondiElimina
  15. @CLO&DEMK: Aspetto con ansia un tuo giudizio allora!

    @TUZI: Grazie delle segnalazioni Tuzi! Ho visto anche In the mood for love ed effettivamente qualcosa in più si capisce. Resta il fatto che un film di questo tipo è poco digeribile se non si ha un minimo di confidenza! =)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...