18 luglio 2010

Piazza 20 Settembre (restyling)


Qualche giorno fa, di ritorno da Pisa durante la mattinata, ho deciso di farmi due passi in centro. Ma non il classico centro disseminato di negozi e decisamente invivibile in questo periodo. Una parte del centro che recentemente ha subito un cambiamento dopo anni di stasi: Piazza 20 Settembre.


Questa grande piazza fino a qualche mese fa ospitava il famosissimo mercatino americano permanente. Da ogni parte della toscana venivano per vederlo. Una delle maggiori attrattive della città di Livorno. Questo mercatino, ai tempi d'oro, era capace di proporre delle cose che si trovavano solo lì, è per questo che molte persone venivano da fuori a fare spese qua. La parola "mercatino" non deve far pensare al comune mercato rionale, qua c'era roba fatta a mano, in pelle e in altri tessuti pregiati di lavorazione spesso irreperibile altrove. Non sono mai mancate le bancarelle di abiti per ragazzi, i Levis venicano comprati qua ad esempio, come anche i bomber tanto cari a gli anni '90, o i pantaloni in pelle nera e i famosi anfibi Magnum. Questi solo alcuni degli alrticoli, in più erano presenti manchi di occhiali, di merceria, valigeria e attrezzeria militare e sport estremi.


Con l'andare del tempo questo luogo, un pò per la crisi e un pò per la voglia di cambiamento, visto che da tempo girava la voce dello spostamento in blocco del mercatino americano, con la chiusura temporanea dei vari settori era diventata la dimora di senza tetto e tossico dipendenti, al punto che per mesi ho evitato di passarci la sera.
Quando fu smantellato tutto quanto e iniziato lo sgombero, gli abitanti dei palazzi attorno alla piazza dopo essersi lamentati per la prezenza delle lamiere, hanno tirato finalmente un sospiro di sollievo.


Tutto quanto adesso si è spostato dietro il quartiere la Venezia, nella zona marittimo-portuale della città dove è presente l'imbarco per le navi e i traghetti. In questo modo i turisci che scendono dalle navi hanno modo di visitarlo senza perdersi per le vie dov'era situato prima. Inoltre il restyling attuale ha permezzo una diversa disposizione dei banchi circolare e non puù casuale come prima, in più sono diventati dei veri e propri negozi con vetrine e entrate!
Se avete occasione di passare di qua non potete perdervi il negozio Vintage!


Numerosi negozi circondavano la piazza da sempre. Nessuna grande firma era presente qua, a parte l'outlet di Benetton. Quello nella foto, che porta un nome che a me è sempre piaciuto, era un negozio di abiti per ragazzi, felpe, jeans e scarpe...e dov'è la novità direte voi? Aveva la caratteristica di avere cose di importazione, le cose al suo interno avevano colori che non si vedevano spesso in giro, un precursore insomma di tutte le firme giovanili che girano adesso negli ultimi tempi. Inoltre il modo in cui si presentava ho pensato sempre che fosse di grandissimo impatto. Abituati come siamo a vedere i classici negozi monocolore bianco-nero-marrone, questo bel colore rosso acceso e questa scritta molto street che somiglia a una tag di un writers, mi ha sempre messo il buon umore. Il negozio poi non era al piano...ma per visitarlo si doveva scendere delle scale...come uno dei più classici shop londinesi!
E' un vero peccato che un posto così originale e innovativo abbia chiuso i battenti. E sono convinto che uno dei motivi è l'apertura di questi grandi store come H&M e Zara. Spesso le persone preferiscono comprare in negozi più famosi al fine di avere indosso qualcosa di riconoscibile a colpo d'occhio piuttosto che puntare sull'originalità. Peccato davvero.


Superata piazza 20 Settembre e costeggiando i fossi, nascosta da altre vie, ci troviamo in questa piccola piazza dedicata a Giorgio Caproni, famoso poeta Livornese, che nelle sue opere ha osannato la città e i suoi abitanti in una maniera così dolce che è impossibile non commuoversi. I versi scritti su questo muro sono tratti dall'ultima poesia della raccolta "Il seme del pianto" dal titolo Preghiera, dove una personificazione della sua anima vola a Livorno in cerca della madre, Anna Picchi, considerata un pilastro della sua vita.

Buona giornata a tutti.

29 commenti:

  1. Posso constatare con orrore che ami perseverare nei tuoi errori.
    L'ignoranza non è mai una bella cosa, ma quando è abbinata all'arroganza e sbandierata come un vanto invece di vergognarsene cercando di migliorarsi ed ascoltanto anche chi ci corregge, allora diventa decisamente deleteria.
    Po' e non pò! Cosa bisogna fare per fartelo capire?

    RispondiElimina
  2. Bel post su Livorno che ho visitato anni fa e che ha un fascino particolare.

    RispondiElimina
  3. Carissimo Loran non sapevo fossi stato dalle mie parti! Ma anche tu come altri sei rimasto affascinato da questa cittadina per la presenza del mare?
    Come ho avuto occasione di scrivere altre volte, i luoghi che ritengo caratteristici di Livorno mi piace metterli in evidenza. Non si può sempre sputare nel piatto dove si mangia no?

    RispondiElimina
  4. Grazie Rano del tuo post. Ci hai portato a fare un bel giro per Livorno.
    A presto.

    RispondiElimina
  5. Ah, adoro questi mercatini, negozietti...mi mettono sempre di buon umore, trovo che il vero colore di alcune città stia proprio in questi ambienti. Peccato che la maggior parte di essi abbia chiuso. Frequento abitualmente h&m e zara (non linciatemi :P), ma non comprerei mai solo lì. Anzi, Rano, volevo per l'appunto dirti, che qui a Venezia ci sono tantissimi negozietti vintage (a me piacciono parecchio, anche perchè sono molto caratteristici, essendo due metri per due). I prezzi sono accessibili e spulciando un po' qua e là si trova sempre della roba interessante. Se passi per di qua, fammi sapere che ti porto a fare un giro :D

    RispondiElimina
  6. @GIROVAGA: Speravo tanto che tu commentassi, sai? Mentre lo scrivevo pensavo proprio a te.

    @SAFE: Sono daccordo con te, anche io credo che quello che rende particolare una città, tolti i monumenti è ovvio, siano questi piccoli posti che un normale turista vede poco o non si da il tempo ci esprorare per bene.
    Anche io frequento Zara...e solo quello perchè H&M ancora non esite qua...ma col fatto che molti dei nostri negozi storici stanno chiudendo, quasi sicuramente aprirà, per la gioria di tutti quei ragazzini che cercano di imitare quello che c'è in tv e pensano solo ai negozi, per poi andare in giro vestiti come dei manichini.
    Qua a parte un paio non ci sono molti negozi vintage...qua per roba vintage la gente intende roba del mercatino oppure presa all'usato, e non è esattamente la stessa cosa.
    Il problema del vintage è proprio quello, che spesso se ne trova ma a dei prezzi così alti che alla fine uno rinuncia in favore di qualcosa di nuovo.
    Se passo ti faccio un fischio volentieri.

    RispondiElimina
  7. Wow non conoscevo questo posto, ma sembra molto carino. Se mai dovessi andare a Livorno ci farò un giro di sicuro :)

    RispondiElimina
  8. Grazie Rano come sei carino. In effetti è sempre bello andare in giro e raccogliere le proprie impressioni sui posti che si visitano.
    E tu lo hai fatto nel migliore dei modi. Soprattutto con passione per la tua città.

    Ciao

    RispondiElimina
  9. Più che il mare mi ha affascinato il quartiere con i canali e la strada dove ci sono quelle ville in stile liberty.

    RispondiElimina
  10. @FASHIONSENSATION: E' veramente suggestivo e vale la pena farci un giro! =)

    @GIROVAGA: Beh ho deciso che ogni tanto un post come questo ci vuole, è giusto mostrare le cose belle che ci sono qua e le iniziative che vale la pena promuovere.
    Dici davvero che l'ho fatto nel migliore dei modi?

    @LORAN: Il quartiere che dici tu è la Venezia...mentre il vialone sul mare con le case in stile liberty è il viale Italia, molto bello in questo periodo. =)

    RispondiElimina
  11. Non ho capito se ti ha fatto piacere o meno questo cambiamento...mi pare di si :) Kisss

    RispondiElimina
  12. Sì Rano, dal mio punto di vista il post è un bel mix di sensazioni, foto, accenni alla storia del quartiere, con la chicca della citazione dei versi del poeta alla fine. E poi è bello quando si percepisce che chi ha scritto ha anche "sentito" quello che scriveva.
    Ciao

    RispondiElimina
  13. Molto carino questo post per farci conoscere un po' della tua Livorno!
    Un bacione tesoro e buona settimana :-***

    RispondiElimina
  14. @GUY: Diciamo che il cambiamento mi è piaciuto, adesso la piazza è rivalutata e pulita ma da una parte mi spiace che si sia perso quel fascino un pò decandete che esisteva prima. La modernità fa anche questo.

    @GIROVAGA: Esatto. Ho veramente sentito quello che ho scritto, anche per il solo fatto di aver scattato quelle foto. Per il modo di pensare Livorno non è una città molto aperta come mentalità, ma non nego che ci siano dei posti veramente belli.

    @BAILING: Ciao bellissima! Spero che la mia Livorno ti abbia incuriosito e che capiti una tua visita da queste parti prima o poi!

    RispondiElimina
  15. Vorrei avere una risposta, senza polemica:
    perchè continui nell'errore del "pò" accentato quando ti è stato fatto notare più volte che è sbagliato? Avere un blog, vuol dire anche condividere e imparare dagli altri. Scusami ma non capisco la motivazione del tuo perseverare.

    RispondiElimina
  16. Ma io mica voglio fare polemica, mi torna comodo premere un tasto solo, tutto qua. Vedrò di correggermi nei prossimi post.

    RispondiElimina
  17. Bravo Giovanni!
    Rano complimenti, che gran bella filosofia, ti consiglio a questo punto di cominciare a sostituire anche il ch con la k così riduci ulteriormente l'enorme sforzo di battere due tasti!
    Sei vergognoso, l'emblema della marea di decerebrati che appesta questo paese!

    RispondiElimina
  18. La penso anch'io come te riguardo alla gente che preferisce indossare qualcosa di riconoscibile ( anche se dall'ultimissimo mio post non si direbbe.. vesto solo Zara!)
    Un po' di originalità in più non guasterebbe però è vero anche che alcuni dei piccoli negozi senza brand hanno cominciato a vendere capi spesso scopiazzati dalle grandi firme o anche peggio da Zara e co. ..un vero peccato!

    RispondiElimina
  19. Mi sa che mi devo fare un giro dalla tue parti!
    Gli unici posti che ho visitato della Toscana sono Firenze e Siena....

    RispondiElimina
  20. @LUCILLE: Quello dello scopiazzamento è un fenomeno ormai diffuso, credo che i piccoli negozi lo facciano in parte per vedere la merce più a basso costo, oppure, cosa forse più ovvia, cercano di creare qualcosa di simile per attirare più clienti.
    Zara poi...ultimamente usa tutte quella magliettine di cotoncino così fine che non mi fa proprio voglia di spenderci un euro. Sembra la roba dei cinesi...solo che se la compri da Zara pare più figo, quando invece la manodopera è la medesima.

    @GINGER: Fallo volentieri e avvertimi così ti faccio da cicerone. Anche se Firenze come città è molto più apprezzabile secondo me.

    RispondiElimina
  21. E vabbè... ma tu amavi quel mercato vero? :D :D ci trovavi tante belle cosine :D

    RispondiElimina
  22. Nno tutto è perduto GUY...si è solo spostato! =) Difatti credo che ci farò un salto a breve!

    RispondiElimina
  23. Che bel post! Prima o poi andrò a visitare Livorno!

    RispondiElimina
  24. Te la consiglio in una giornata di sole...settwmbre sarebbe il massimo. L'inverno fa un effetto un pò diverso. =)

    RispondiElimina
  25. Guardando la prima foto pensavo fossi stato a Venezia,ahah =)

    RispondiElimina
  26. Ci somiglia moltissimo. E'per questo che è molto bella.

    RispondiElimina
  27. i do like the picture which is full of leaves
    looking at it and i just relax yet

    RispondiElimina
  28. Complimenti
    Mi è molto questo articolo.

    Ti sei soffermato su all'apparenza sciocchezze.

    Vita di tutti i giorni che scorre via e nemmeno ce ne accorgiamo.

    RispondiElimina
  29. Rileggendolo è piacuito molto anche a me sai? Mi piace questa parte della città e sono contento che anche qualcun'altro abbia potuto apprezzarla. =) Grazie della visita.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...