10 luglio 2010

Ricerca cromatica


Qualche tempo fa gironzolando come mio solito per le vie del centro, quando ancora non c'era il rischio di restare incollati all'asfalto per il troppo caldo, mi venne l'idea di cercare ispirazione per qualche post nel negozietto dove tutto costa 99 cent.
Nella sezione libri (si, c'è una sezione libri che ci crediate o no), dove si solito ci capitano romanzetti d'amore o altri libri svenduti alle edicole, ho trovato questa coppia di libri di moda che hanno subito destato il mio interesse.
Si dice sempre che si parla tranto (troppo) di moda senza mai cercare di avere una preparazione adeguata. 2 euro spesi per compiere qualche passo in più.


Come primo approccio ho deciso di leggermi il libro dedicato ai pantaloni. Da sempre ho desiderato capire le varie tipologie di taglio dei pantaloni da uomo e da donna, quindi mi sono seduto comodo e ho iniziato la lettura.
Oltre alla spiegazione dei tagli e delle forme comunemente usate, all'interno del saggio proposto, c'era una interessantissima riflessione riguardante la ricerca cromatica. Ciò ha scaturito in me una riflessione riguardante i miei gusti in fatto di colori.

I colori infatti possono spesso condizionare il modo di vestire e influire sulle emozioni. Benchè con l'età si pensa che uno debba mettere la testa "a partito" io sono uno a cui piace allenare la mente ad essere sempre giovane, per cui i colori mi piacciono un sacco. C'è anche chi pensa che i colori siano più adatti ai bambini che a gli adulti. Frottole.

Ho scattato queste foto il giorno in cui ho finito il libro e per puro caso mi ero messo questa maglia. Il giallo quindi rivedendo queste foto mi ha fatto venire la voglia di cercare su internet il significato di questo colore, uno dei miei preferiti assieme all'arancione.

Questo il significato che ne da il sito Psd revolution:

"Il giallo è il colore del sole. É associato alla gioia, alla felicità, all'intelletto e all'energia. Il giallo produce un effetto riscaldante, suscita allegria, stimola l'attività mentale e genera energia muscolare. Viene spesso associato al cibo. Il giallo puro, luminoso, cattura l'attenzione, per questo i taxi sono spesso dipinti di giallo. Quando se ne abusa, il giallo può disturbare; è noto che i neonati piangono se messi in stanze dipinte di giallo. Il giallo viene percepito prima di tutti gli altri colori, quando messo a contrasto con il nero. Questa combinazione è spesso associata per richiedere attenzione. Le luci di un incrocio pericoloso sono gialle per lo stesso motivo, per far percepire più rapidamente un eventuale ostacolo o pericolo. Nei sogni il giallo indica amore per la vita, vitalità e capacità di recupero fisico, necessità di uscire, di muoversi verso qualcosa di esterno, pur conservando la propria identità. In araldica il giallo rappresenta l'onore e la lealtà. A volte il significato del giallo è connesso, invece, alla codardia. Il giallo va usato per evocare sentimenti piacevoli, allegri. Può essere usato per promuovere prodotti per bambini ed oggetti relativi al tempo libero. Il giallo è molto efficace per attrarre attenzione, quindi è usato per evidenziare gli elementi più importanti di un design. Gli uomini normalmente percepiscono il giallo come colore infantile, quindi non è raccomandato per vendere prodotti prestigiosi o costosi, ,per uomini. Il giallo è instabile quindi evitatelo se dovete suggerire stabilità e sicurezza".


Non sono daccordo su quanto detto sul finale. Non trovo affatto che sia un colore instabile. Al contrario, trovo che sia molto snobbato in favore dei soliti colori classici che, diciamolo, a volte stancano anche un pò. Prediligo il verde prima di altri colori e in spesso amo i colori pastello, quelli in genere troppo accessi alla lunga mi stancano la vista al solo guardarli. Faccio però delle eccezioni come nel caso del giallo e dell'arancione, e in quanto a vitalità e allegria credo che ci abbiano preso sul serio. Il giallo esprime la luce e durante quelle giornate dove di colorato in giro c'è ben poco aiuta ad affrontare meglio la giornata.

Spero che questo post vi sia piaciuto. Trovo che fare qualche ricerca cromatica ogni tanto faccia anche bene alla salute e alla mente senza mettersi addosso la prima cosa che capita. Anche i colori hanno un significato e possono farci capire moltissimo del nostro modo di vivere.

Buona domenica.

27 commenti:

  1. Bello questo post! E' sempre interessante e utile leggere libri di moda! ;)
    Shonwer

    http://shonwer.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. bel post molto interessante, anche per me il giallo e l'arancione sono due dei colori che preferisco. In genere io abbino un colre acceso con uno più sobrio, ad esempio una maglietta arancione con un pantalone blu o viceversa.
    Sul giallo avevo saputo che nella venezia del '500 era stata promulgata una legge che inponeva alle cortigiane di portare una sciarpa gialla per non essere scambiate per signore della nobiltà essendo molto spesso vestite con lo stesso sfarzo e ricchezza.

    RispondiElimina
  3. i wish i could read this!

    jadepurplebrown.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post!! Pure io adoro leggeri i libri di moda, e mi era capitato una volta di trovarne uno in un negozio tutto a un euro. Ogni volta che ne vedo uno non posso non prenderlo e a casa ho un armadio solo per quello. Per quanto riguarda i colori, io adoro la gente che si veste molto colorata, ma purtroppo a me, per la mia carnagione/colore capelli/ecc. non stanno per niente bene così mi limito ai toni scuri. Comunque interessante l'idea di fare una ricerca sui colori che piacciono di più! :)

    RispondiElimina
  5. @SHONWER: Hi hi hi e poi mi vengono a dire che un blogger non si informa! Tsè!

    @LORAN: Ma lo sai che ci avrei scommesso che anche tu vestivi colorato! La scelta di abbinare qualcosa di accesso con qualcosa di più sobrio è molto classica e hai la mia totale approvazione. Tempo fa, giusto qualche anno, ero convinto che solo determinati colori accesi potessero intonarsi perfettamente tra loro. Ultimamente sto cercando anche di creare degli accostamenti che mai mi sarei sognato, colori che prima non aprei mai messo assieme. Se avrò mai delle foto cercherò di postarle, voglio sapere che ne pensi.
    Abbiamo molto da imparare dalle cortigiane!

    @JADE: You can!! You can on the link to the next for translation! =)

    @FASHIONSENSATION: Si, quando c'è qualcosa che vale la pena prendere non conviene mollarlo lì. Primo perchè costa poco, secondo perchè non significa che costando poco sia qualcosa di poco valore. L'estate a me piace molto per questo motivo, ci sono un sacco di colori, cosa che in inverno si tramutano tutti in grigio-nero. Uffi!
    Spero di fare presto qualche altra ricerca, che ne dici?

    RispondiElimina
  6. Ma certo sarò molto felicie di darti il mio modesto parere.
    Ad esempio tempo fa avevo comprato due pantaloni, uno arancione e uno turchese (che adesso mi sono anche passati di taglia, ma sarà un motivo per mettermi un pò a dieta, perchè sono di una buona marca e mi da fastidio doverli tenere nell'armadio) e per non fare troppi colori e evitare quello che chiamo "effetto palio di Siena" ho pensato di abbinarci una polo nera o bianca.

    RispondiElimina
  7. Che belli quei colori! Turchesi devono essere davvero molto belli! In questo eirodo sono alla ricerca di un paio di jeans viola, voglio ricreare un outfit visto in giro solo al maschile. Speriamo di avere dei buoni frutti! E in bocca al lupo per la dieta.

    RispondiElimina
  8. Amo i colori, tutti senza discriminazioni, penso che non esista un colore che non ho mai messo addosso ;)
    http://rejectingtheobviousness.blogspot.com

    RispondiElimina
  9. Ciao Seforea e benvenuta! Anche io credo di non aver mai detto di no a niente, però è pvvio che ci siano colori prediletti! =)

    RispondiElimina
  10. Bello questo post.
    Hai fatto benissimo ad acquistare quel libro.
    I libri sono sempre un investimento. Anche io ne sto acquistando nell'ultimo periodo, ovviamente sulla tematica della moda, perchè come te mi piace approfondire certi argomenti ed essere più preparata.
    beso!

    RispondiElimina
  11. Volevo lasciarti un commento sulle tue bellissime Converse borchiate ma non ce l'ho fatta: continuo ad incappare in un messaggio di errore!
    QUindi te lo scrivo qui: sono favolose!

    Interessante questo post sui colori... sai che non lo sapevo che i bambini piangono nelle stanze gialle?!?
    Un bacione :-***

    RispondiElimina
  12. @ELI: Io sono sommerso dai libri. Nella piccola depandace che ho ce ne sono una valaga. Peggio che con i vestiti, non so più dove metterli!
    Beso.

    @BAILING: Boh non so come mai ogni tanto saltano fuori questi messaggi di errore! L'importante è che sei riuscita comunque a dare il tuo parere. Non vedo l'ora di mostrarti le foto che M mi ha fatto sabato sera! Sta migliorando un sacco nel farmi le foto!
    Eh si, pare che i bambini piangono nelle stanze gialle...quindi attenta se un domani avrai un pargoletto!

    RispondiElimina
  13. trovo questo post davvero interessante! 1bacio

    RispondiElimina
  14. Sapere che hai trovato questi due libri in un negozio di quelli dove tutto costa 99 cent mi stupisce!Io non ho mai trovato nulla di simileeee! =(
    Dovrò cercare più accuratamente!
    Cmq bel post davvero,io amo i colori.
    Tutti.
    E a volte per quanti ne ho trovo difficile creare degli abbinamenti più tenui! :)

    RispondiElimina
  15. @CHIARA: Grazie per essere passata.

    @FEDERICA: Ebbene si, in uno di quei negozi che a me piace molto visitare. Le cose costano poco e sono davvero carine, in particolare le cose per la casa.
    Le tonalità si scelgono in base all'occasione o in base alla confidenza che si ha con le persone con cui ci vediamo. =)

    RispondiElimina
  16. Sono d'accordo con te sul verde, l'adoro anch'io.

    Effettivamente è tanto interessante riflettere sui colori e su quanto condizionino (o sono condizionati) dai nostri st(r)ati d'animo.
    Senza un motivo, mi rendo conto di avere abbondanza di marrone in guardaroba (aiuto), ma immagino sia conseguenza del fatto che cerco di restare sul 'classico' avendo scarpe colorate e svariate borse un po' particolari. Verde, blu e grigio, poi.
    Ahah, sono forse un po' triste? :D

    RispondiElimina
  17. @Federica e Rano:
    E' vero, comunque, anch'io non ho mai trovato nulla di interessante ai 99 cents! Addirittura, mi viene da pensare che nella mia città non ci sia neanche il reparto libri... Quando ci passo, do un'occhiata!

    RispondiElimina
  18. Anch'io, esaurite un paio d'incombenze, ho intenzione di approfondire la mia cultura in fatto di moda. Fortunatamente mia madre faceva la sarta, perciò andrò in cerca di tessuti particolari e la importunerò tutto il tempo. Nel frattempo mi accontento di stampare magliette:)
    Il mio colore preferito è il rosso, dicono che rispecchi un'indole "agiata" ... non so se sia vero, ma in generale tutti i colori hanno la loro ragion d'essere, e NON C'E' ASSOLUTAMENTE limite d'età o proibizione che tenga!

    RispondiElimina
  19. @SAFE: Beh non è che nel negozio che abbiamo qua ci sia chissà quale libro, per la maggior parte sono librettini d'amore e cose di seconda mano dell'edicola, ma per questo ci butto sempre un occhio.
    E poi non è vero che il marrone è triste, non è tra i miei preferiti ma è un colore molto versatile. Basta non avere TUTTO marrone! =)

    @SARAG83: Sei fortunata ad avere una mamma come la tua sai? L'avessi io! Io però devo dire che da quando ho iniziato a mettere mano ai tessuti anche la mia di mamma si è più sensibilizzata! Speriamo bene e incrociamo le dita!
    Che magliette stampi?

    RispondiElimina
  20. No, no, odio vestirmi in monocromo, di solito se vesto marrone, c'abbino qualcosa di colorato, se no sai che monotonia :)

    Mia nonna era sarta ma avuto la malsana idea di non insegnare a nessuno dei suoi figli (quindi riversando questa scelta ai nipoti) il 'mestiere' per paura che la seguissero e non studiassero. Ma vi pare? -.-'.
    No offence, I love you, granny :D

    RispondiElimina
  21. @SAFE: Mi piacerebbe davvero tanto poter vedere uno dei tuoi outfit sai?
    Io in casa non ho mai avuto nessuno che fosse sarta o robe simili, ok mia mamma e mia nonna si arrangiavano ma non che si facessero abiti per conto loro. Io punto a quello, voglio imparare da zero. E ce la metto tutta.
    C'è da dire che prima era davvero così, si imparava il mestiere e via. Adesso c'è altra mentalità, ben peggiore di prima. Adesso tutti vogliono il successo, la fama e i soldi senza saper fare nulla.

    RispondiElimina
  22. Ciao Rano!!
    Sono qui con Giova e abbiam deciso di fare un commento cumulativo! L'ho portato a vedere il blog dei blogger che ha conosciuto nei raduni (insomma un bel giro "turistico" alla scoperta dei blog!).

    Il mio commento è: 2 euro 2 libri?? Okkkkk devi andare a vedere al 99cent di Firenze se han messo la sezione libri. Che figo!!

    Giova dice "Giova ha solo tre parole: Rano 4 President!".

    Ire e Gio conginutamente dicono: quando ci rivediamo? Si fa una cena fuori? :D

    Un bacio
    ... Ire e Gio (non s'era capito :D)

    RispondiElimina
  23. Hai ragione RANO! Mi sa che hanno creato una "vampiro-mania" dal niente ... questi di Twilight! :) kiss
    PS: in giallo stai benissimo! :)

    RispondiElimina
  24. @IRE&GIOVA: Ciao carissimi che bello che siete passati assieme! La prossima volta che vengo a Firenze mi dovete portare in questi negozietti che a me piacicono un casino!
    Giova è troppo buono...non soc he combinerei io "for president"! hi hi hi.
    Facciamo che a settempre ci organizziamo a modo e ci vediamo come siamo rimasti quel giorno? Così vi faccio conoscere M! Non faccio altro che parlare di tutti voi!

    @GUY: Credo che la moda del Vampiro non sia mai smessa, adesso però l'hanno rispolverata, ma il vero fascino Vampiresco...la nostra Mayer non sa manco dove sta di casa!
    Grazie del complimento.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...