12 agosto 2010

Progetto Sari


Era da un sacco di tempo che avevo in mente questo post! Solo che non potevo pubblicarlo durante l'inverno, per ovvi motivi.
Progetto sari perchè?
Le foto che vedete sono la parte di un progetto per il laboratorio di costume all'università. Ci venne dato due testi da leggere, Corte Savella di Anna Banti e Le mielle e una notte, di cui dovevamo ipotizzare dei costumi per i personaggi principali.


Visto che a lezione abbiamo sempre dato più spazio al testo della Banti creando da zero un corpetto rilevando il cartamodello da un libro, ho deciso di lavorare per conto mio sulle Mille e una notte.
In quel periodo a teatro stavo lavorando con dei sari per uno spettacolo e così decisi di utilizzare qualche mia idea per quel progetto.


Mi scattai delle foto mostrando come avrei drappeggiato il sari indosso a gli attori e le presentai alla professoressa assieme al commento. La mi idea è piacque (forse per il modo in cui l'avevo presentata) che mi chiesero addirittura se potevano utilizzare queste foto per mostrarle alla regista che avrebbe, di li a poco, messo in scena Le Mille e una notte! Non volevo crederci.


Era la prima volta che mi cimpentavo in qualcosa del genere e mi sono divertito così tanto che forse è questo che mi ha dato un'incoraggiamento in più per questo blog e per le foto di moda.


Rivedendole qualche tempo fa mi sono detto che questo tipo di tessuto, o indumento se vogliamo, proprio per la sua versatilità potrebbe essere anche usato di questi tempi, con il caldo che fa. Il tessuto è molto leggero e a seconda di come viene annodato può assumere forme e usi diversi. Adatto per le ragazze come pareo, scialle, oppure per i ragazzi come pantaloni un po' alternativi, diversi dai comuni costumi da bagno sotto il ginocchio con quella fantasia floreale, che sinceramente fatico a sopportare.
Che ne dite di questa idea? Piccola spesa, grande utilizzo.

24 commenti:

  1. E' un idea decisamente diversa, ma che quest'estate per me potrebbe anche funzionare... la moda sta vertendo molto sull'etno-chic ultimamente... Comunque complimenti per l'idea :)

    RispondiElimina
  2. Ma dai che bello... Mi piace un sacco! In ogni caso, anch'io fatico a sopportare i costumi floreali maschili -.- Bacioni!

    RispondiElimina
  3. wow che spettacolo! Davvero. Non lo dico perchè ormai siamo amici, ma mi piacciono davvero. Hai avuto moltissima fantasia, e sopratutto sono portabilissimi, sia il "pantaloncino" che "l'abito" nella terza foto!
    Rano sei un grande!
    Complimenti complimenti!

    RispondiElimina
  4. @FASHIONSENSATION: Beh sinceramente ho deciso di mettere quesate foto per proporre qualcosa di diverso. Ormai ci stiamo abituando a tutto, no?

    @MARINA&CAMILLA: Andrebbero tolti dalla circolazione quei costumi...da quanto li fanno lughi tra poco somigliano più a pantaloni!

    @N2O: Thanks a loooot!

    @GUADY: Usnado l'abito credo che ci siano dei rischi a meno che non si vada in qualche posto particolare. Il pantaloncino è il mio preferito, difatti ne sto cercando uno con una fantasia che mi piaccia!
    Mi rende felice leggere che ti sono piaciuti! per davvero vero vero! =) Grazie di essere qua Guady!

    RispondiElimina
  5. Idea interessante, mi fa ricordare il film "Il ladro di Bagdad" nella versione del 1940, specie nella foto con il tessuto annodato ai fianchi.

    RispondiElimina
  6. Oppure Aladin in vestimeno moderne eh? =)

    RispondiElimina
  7. Non avevo idea di quanti usi si potesse fare di questo tessuto... è tanto interessante.
    Just one question: ma, mettendoli come pantaloncini, stanno ben saldi addosso o c'è rischio che un movimento brusco o una folata di vento mostri come la pubblicità sia l'anima del commercio? :D Perchè se stanno ben saldi, considero seriamente l'idea di portarli in giro (se il tempo tiene :-/)anche per strada...

    RispondiElimina
  8. Hai avuto proprio una bella idea!

    Sono sempre stata affascinata dal sari... tutte le volte che vado in India rimango incantata ad osservare l'abilità delle donne nel vestirsi con questa stoffa... una miriade di colori che riempie le strade....

    un bacio!

    RispondiElimina
  9. @SAFE: Tutto dipende dal nodo che si fa quando si lega in vita. Ho provato sia su di me che su persone più alte. Dipende tutto dal nodo. La lunghezza del tessuto è lungo uguale per tutto, poi sta alla creatività della persona e in minima parte dal giro vita. Ma ti assicuro che tiene eccome. E le fantasie sono così svariate che è impossible non trovarne uno da mettere.
    Poi se uno vuol mostrare la mercanzia...vabbè.

    @ANGELA: Non immagino neanche che cosa ci sia in india. Deve essere bello davvero. La dimostrazione del fatto di come sia possible vestirsi bene ed essere originali anche senza spendere un occhio della testa.
    Un bacio anche a te.

    RispondiElimina
  10. No, no, appunto, non ci tengo affatto, per questo domandavo... Ho la vita abbastanza sottile, quindi pensavo potesse svantaggiarmi in quanto a 'resistenza', però se mi dici che tiene, oro. Beh, proverò a vedere cosa ne viene fuori, ti farò sapere :)

    RispondiElimina
  11. Ne sarei davvero felice. Mi raccomando eh.

    RispondiElimina
  12. Si anche per Alandin andrebbe bene. :)

    E sempre in tema di foto e visto il tuo prossimo viaggio in Polonia ricordati che lì sono state trovate le sirene magari se la incontri questa in particolare fanne un reportage con la tua reflex che poi lo mandiamo a SuperQuark.:)

    http://www.beautifulmag.eu/beautiful/2010/08/mermen-live-in-poland.html

    RispondiElimina
  13. Oh mamma...vai tranquillo che se trovo una sirena come "quella" la fotografo in tutti i modi! Anche se è più facile che incontri qualche "contadina" visto il posto sperduto dove andiamo!
    Bello sto sito eh!

    RispondiElimina
  14. bè,mi sembra una bella idea! io tra drappeggi e nodi avrei fatto un casino mondiale ahahah

    RispondiElimina
  15. Ti dirò RANO l’idea di qualcosa di etnico non mi dispiace per nulla… magari non girerei per strada con qualcosa del genere, ma il tessuto non mi spiace per nulla, anzi… giustamente costruito potrebbe uscir fuori qualcosa di molto interessante… complimenti per l’originalità dell’idea :)

    RispondiElimina
  16. @LUCIADELPASQUA: Non ti credere sai! Bastano 5 minuti, quando te lo trovi addosso il modo di annodarlo va da se. hi hi hi.

    @MAJIN: In genere le cose indiane non mi fanno impazzire anche se piene di fascino, il sari mi piace perchè molto versatile, e ormai ci sono affezionato! Il drappeggio è una roba fantastica te lo assicuro. Dovrebbe essere seprimentato molto di più!

    RispondiElimina
  17. Be l'idea del pantalone è superlativa direi,mi piacciono un sacco!Adatissimi a un look da spiaggia.
    Ma bravo!

    RispondiElimina
  18. =) Penso che possa essere nel tuo stile sai?

    RispondiElimina
  19. Io sono una fanatica dei sari: durante il mio viaggio in India di 2 anni fa ne ho comprati 7. Un paio li ho indossati perfino durante il viaggio.
    Tornata a casa li ho invece riutilizzati come drappi per il baldacchino o come tende.
    Il sari indiano infatti, essendo un telo di stoffa lungo circa 4,5 metri, e' totalmente inutilizzabile in maniera diversa da quella tradizionale ed e' piuttosto complicato da indossare perche' prevede una serie di drappeggi e neppure un nodo.
    Queste tue foto mi fanno pensare di piu' ad un sarong indonesiano che e' un telo lungo all'incirca un paio di metri ed e' utilizzabile sia per l'uomo che per la donna, oppure al dothi indiano che e' per l'appunto una sorta di pareo utilizzato dagli uomini.
    In ogni caso adoro l'etnico riadattato alla moda occidentale!
    Baci e divertiti in Polonia!

    RispondiElimina
  20. "Rivedendole qualche tempo fa mi sono detto che questo tipo di tessuto, o indumento se vogliamo, proprio per la sua versatilità potrebbe essere anche usato di questi tempi, con il caldo che fa."

    In Puglia dicono "te dafrischi li pampaciuni"...

    RispondiElimina
  21. @BAILING: In polonia mi sono divertito un sacco. E grazie delle citazioni, non sapevo la nomenclatura di questi altri capi! Farò delle ricerche! =)

    @PAXOS: Che tradotto sarebbe?

    RispondiElimina
  22. Che con quel vestito leggero ti rinfreschi i coglioni. E' un'espressione tipica usata quando fa caldo.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...