13 settembre 2010

Christian Louboutin - Opinione di un'amica

Qualche tempo fa su facebook commentai il link di una amica che riguardava le famose scarpe di Louboutin. Successivamente mi venne in mente di chiedergli di scrivermi una sua personale opinione al riguardo. Oggi ho deciso di condividere l'opinione di Francesca assieme a voi.


Christian Louboutin non disegna scarpe, crea opere d'arte.
Ogni paio è unico, inimitabile. Lo si osserva con sguardo adorante, il cuore rapito, il modello, il colore, il tessuto, ed ecco, nascosta appena dal vertiginoso tacco, la firma dell'artista: non una semplice suola, ma una macchia di puro colore, di rosso scarlatto, che compare e scompare, rendendo intrigante anche il più semplice movimento di chi le indossa; cattura l'attenzione dell'osservatore, come se in quei pochi centimetri fosse racchiusa l'essenza stessa della femminilità.
In tutta la loro perfezione, è proprio questo particolare che incarna la mia idea di "Sensualità": perchè quell'anima rosso scarlatto si traveste ogni volta con abiti diversi, giocando con stili e colori, senza mai perdere la propria personalità, la propria essenza; perchè, sotto sotto (nel vero senso della parola!), a lasciare il segno è sempre un dettaglio.

Per quanto belle possano essere però trovo che scarpe del genere siano davvero costose. Ed è di fronte a casi come questi che ho uno scontro interiore.
Esistono persone che possono permettersi di spendere anche un sacco di soldi in scarpe e accessori, ma la maggioranza resta sempre quel gruppo di persone che ammira senza potersi permettere un lusso simile.
Ma cosa succede quando anche chi non ha il cash disponibile si mette a fare spese folli? In questo caso per un paio di scarpe di lusso, scarpe che non si sa poi quante volte verranno indossate, o in che condizioni verranno conservate. E' vero che chi compra delle Louboutin conosce il loro valore, ma sono pur sempre scarpe, e per quanto la moda possa invogliarti ad avere certi pezzi, trovo inaccettabile che si paghino così tanto.
C'è chi pensa che la moda sia "moda" proprio per questo suo carattere elitario, che solo pochi possono permettersi, relegando tutto il resto alle imitazioni. Secondo me dovremo essere più elastici in questo, non essere troppo legati alla firma o a uno stile particolare. Saper dosare e spendere in maniera appropriata i soldi che abbiamo, senza dover per forza inseguire qualcosa di inarrivabile che poi ci fa sentire in colpa. 
Meglio quindi andare su qualcosa di più economico ma che ci fa uscire dal negozio con il sorriso, felici di quello che abbiamo tra le mani.


Aspetto di sapere la vostra adesso! 
Che si scateni l'inverno!

45 commenti:

  1. Concordo pienamente con il fatto che un paio di scarpe di Christian Louboutin siano delle opere d'arte!!
    Credo che, prima o poi, nella mia vita un paio ne prenderò sicuramente!! Sono veramente fantastiche!
    Per il concetto "moda"... non penso che per tutto ciò che vendano i negozi costosi si possa parlare di moda!! Parliamo di alcune collezioni che, ad esempio, io non comprerei mai!!
    Magari preferisco prendermi un classico che mi duri una vita piuttosto che qualcosa di una collezione impossibile!! (poi i gusti sono soggettivi!)
    Secondo me ogni persona dovrebbe spendere secondo le proprie possibilità e non fare il passo più lungo della gamba!!
    Ci sono case di moda meno costose ma che hanno accessori belli comunque!!
    C'è anche da dire che spesso e volentieri si paga il nome del marchio, non il vero accessorio!!
    Basti pensare a vuitton, il classico monogram non è fatto di pelle pregiata o cosa... è un tessuto PVC!!
    Vale veramente la pena di pagare 1000 euro per una borsa in pvc??

    RispondiElimina
  2. bhè... io sono ababstanza affascinata dalla suola rossa (e dalle scarpe in generale). Probabilmente me ne regalerò un paio in occasione del mio matrimonio, tanto per il vestito mi accontento poco. Le scarpe le potrò certamente riciclare! penso poi che tutto sommato, 400 euro o poco meno, per un paio di classiche decolletes, di ottima fattura si possano anche spendere... alla fine saranno sempre perfette. Meglio pochi capi ma buoni piuttosto che 200 di dubbia qualità. Ovviamente si deve essere consapevoli del fatto che si sta pagando non solo la qualità ma anche la marca, su questo non ci piove. Idem per le LV... e cmq se posso dire la mia, sarà pure PVC ma che PVC oserei dire! non ha nulla da invidiare alla pelle vera, è resistentissimo e comodissimo (in caso di pioggia non si macchia). Le borse di LV che possiedo, le sto stra-usando da tempo ormai, ma sono ancora come nuove. Per cui per me sì... ne vale pena eccome spendere 500 euro se poi mi durano per anni ed anni.

    RispondiElimina
  3. Ciao Rano, perchè non risparmiare dei soldini e comprare anche un solo paio ma che dura una vita? Un abbraccio e grazie per l'appoggio :-)

    RispondiElimina
  4. @SILVIA: Mi trovi in perfetto accordo con te. Il fatto di poter sfruttare case di moda che propongono collezioni dignitose a un prezzo ridotto sposa assolutamente la mia filosofia. Solo che spesso sorge un altro tipo di problema. Facciamo il caso di Zara. A Livorno questo negozio è aperto da un paio di anni e all'inizio ero così entusiasta che non c'era fine settimana dove non mi portassi a cena una shopper con qualche t-shirt o altro.
    Da un anno a questa parte però le collezioni di Zara hanno iniziato ad appiattirsi un pò. I soliti nero, verde scuro, blu scuro e grigio, mi stanno davvero annoiando un sacco. Ma a parte questo che può essere legato ai gusti personali, ho notato che la qualità dei capi si è ridotta. Le t-shirt che costano 19 euro sembrano fatte di carta velina e ci vedi attraverso. Spesso cose comprate al mercatino sono più colorate, economiche e durature di quelle comprate qua. Quindi la qualità/prezzo è sbilanciata.
    Morale della favola spesso non sempre è vero che pagando di più si hanno cose di valore. Ma questa è l'impressione comune.

    Poi c'è il fatto che pur no avendo i mezzi la gente piuttosto si toglie il boccone di bocca, ma una bella macchina o una borsa griffata la deve avere a tutti i costi. E mi chiedo dove fosse questa gente quando nell'alto dei cieli era distribuita l'intelligenza.

    @PUNKIE: Per un'occasione particolare anche io non baderei a spese se posso permettermi qualcosa di particolare. E ultimamente anche io sto sviluppando la filosofia del "meglio pochi ma buoni", inutile spendere 3 euro per una magliettina che poi al secondo lavaggio devi buttare.
    Io forse sarò all'antica, ma credo che spesso le persone non rifettano molto quando si tratta di moda, vanno e comprano così, solo perchè un telefilm ti va vedere quelle cose.
    Una borsa può davvero durare un sacco, ma le scarpe stanno a contatto con il terreno, lo sporco, le intemperie e sono più soggette a usurarsi e a quel punto dove vanno a finire tutti i soldi spesi?
    Le LV sono belle davvero e fatte molto bene, con dettagli che di rado si vedono in giro, ma proprio per questo adatte a persone che sanno apprezzarle. Per chi una borsa vale l'altra vanno bene anche le imitazioni, che spesso hanno ben poco da invidiare alle originali!

    @DOCESA: Ovvio che è possibile, è che spesso la gente non prende UN SOLO paio. E con quello che costano, è un bene che durino una vita.
    Ti appoggerò sempre. =)

    RispondiElimina
  5. Mhhh... da "drogata" di scarpe quale sono non posso non commentare questo post sulle Loubutin!!
    Le ammiro, non c'è dubbio. Anzi, direi di più...le venero, così come le Jimmy Choo, le Casadei, Le marc Jacobs o le Paciotti (anche qui, suola rossa).
    Ho la fissazione delle scarpe di qualità, di buona fattura, materiali buoni (pelle, non PVC e tantomeno il raso).
    Devono essere resistenti e portabili, morbide, che si piegano e non dure come due stoccafissi (soprattutto se sono con il tacco, devono essere non dico comodissime ma almeno PORTABILI anche per una serata intera e magari ci devo resistere in piedi per parecchio).
    Nutro un profondo odio per le scarpe dei negozi dei cinesi, o comunque le loro "cugine" di qualche bancarella o dei grandi discount tutte di plastica, Pvc, suole sintetiche e male incollate. Al primo sguardo sembrano mettibili, le prendi in mano e le metti giù subito. Più di una volta negli anni ho ceduto acquistandole, anche sulle bancarelle, ma hanno fatto tutte una brutta fine dopo poco, mi si spaccavano i piedi, dolore alla caviglia, non si piegavano... Um disastro, e da lì ho detto basta.
    Da qui alle Loubutin ci passa un mondo, probabilmente non potrò mai permettermele e continuerò ad adorarle sognante guardandole sulle riviste; ma per quel che mi riguarda ho trovato qualità e "mettibilità" anche in calzature buone, di marca e anche non, belle, modaiole quanto basta e decisamente più accessibili per le mie tasche da milleurista. Per esempio ho ottimi "rapporti" con le scarpe di Guess o di Alberto Fermani, che se riesco a trovare il mio numero anche in saldo è ancora meglio, ma anche a prezzo pieno sono cose abbastanza "comprabili".
    Le borse di Vuitton? Per carità, spendere mezzo stipendio (forse anche UNO) per una borsa sintetica non potrei farlo nemmeno da ubriaca, ho tante belle borse in cuoio anche di marca pagate molto meno di una LV (coccinelle, patrizia pepe, furla...) che sono indistruttibili, anzi più le usi e più diventano belle. E poi la Vuitton ce l'ha anche il mio gatto, cheppalle.

    RispondiElimina
  6. Non essendo donna, non ho mai provato l'ebbrezza dello shoe-victim in senso proprio (sì, ho abbastanza scarpe, ne riconosco la bellezza nei negozi e impazzisco se un modello è sublime, ma i modelli maschili dubito daranno mai le stesse emozioni che anche una semplice deccoletè può dare ad una donna), ma anch'io sono sempre stato dell'idea 'compra come puoi, basta che sia di qualità'.
    Non è il caso delle Loubutin, ma effettivamente molte volte (il discorso si amplia anche nel vestiario vero e proprio) è più il nome a determinare il prezzo piuttosto che l'effettiva bellezza o (non mi pare di chiedere tanto) la qualità.
    Non spenderei mai metà del mio stipendio per una borsa, diciamocela tutta. Bella quanto vuoi, qualità magari ce n'è spesso, ma certe cifre sono uno sfregio alla miseria.
    Ma, da amante della qualità, non mi aspetto neanche di spendere sempre poco (H&M, Zara et co. - negozi in cui comunque vado spesso-, non sapranno mai accontentarmi per un paio di scarpe o per una borsa, suppongo). Per queste cose i prezzi aumentano, e me ne rendo conto consapevolmente. Pertanto, ritornando al discorso del vintage di cui si parlava qualche post fa, preferisco spendere 100 e passa euro per una borsa di pelle vintage o di scarpe di un certo tipo che di qualità e bellezza ne hanno da vendere, piuttosto che 500 e passa per una borsa firmata, ecco.

    RispondiElimina
  7. @CHEARLY: Questo che dici tu è un altro aspetto molto interessante che troppo spesso si tralascia: la comodità e la versatilità.
    Nemmeno io predo le scarpe dei cinesi, che solo l'odore, che impregna ogni cosa nei loro negozi, mi fa venire il volta stomaco. Purtroppo benchè la qualità della loro merce sia pessima, sono parecchio competitivi, e la gente al giorno d'oggi preferisce avere 10 magliette scadenti piuttosto che una di qualità anche solo per avere il piacere di offendere coloro che magari una felpa la pagano 50 euro.

    Di scarpe ne ho anche io, e un paio di quelle che sono le mie preferite sono in realtà le peggiori. Non perchè siano cinesi, perchè le ho prese in un negozio parecchio famoso, quanto perchè pur essendo molto belle ed eleganti, sono quelle scarpe che non puoi mettere per un pomeriggio in centro: ti distruggono i piedi.
    A essere sinceri non ho scarpe firmate. Spesso il prezzo va di pari passo con la "truzzaggine", e si arriva a dei livelli imbarazzanti sul serio.

    @SAFE: Questo un pò mi dispiace sai? Gli uomini sono penalizzati rispetto all'abbigliamento femminile, gli accessori e le scarpe. E forse è un bene.
    Venendo a quello che dici tu vorrei portare l'esempio di Dolce e Gabbana, che creano alta moda e anche roba decisamente commerciale. Lasciando perdere la passerella a cui nessuno si avvicinerà mai, è la roba commerciale che approda ai negozi e spesso anche se son cose griffate mi fanno venire la bile da quando sono brutte quelle cose. Quindi si, si paga il nome. Che non sempre è sinonimo di bellezza.
    Per arrivare a spendere uno stipendio per queste cose uno di soldi ne deve avere davvero tanti, e se fossi un Hilton magari anche io sarei tentato di fare spese folli, ma mi rendo conto che spesso il non averne così tanti ti mette in condizioni di vedere con un occhio più critico le vetrine e i prezzi.
    Anche a me piacciono le cose che durano e so bene che meno spendi e meno hai, il casino è che spesso i prezzi sono alti anche da Zara senza invidiare nulla alla roba usata! Oppure H&M dove sono stato di recente ed essere uscito con la schiuma alla bocca per il piattume di roba che ho visto chiedendomi come mai la gente va pazza per quel negozio! Te lo dico io...tanto per poter dire "io faccio shopping da H&M"...e chi se ne frega direi io se tanto la roba non vale nulla.
    Meglio come dici tu il vintage, che io adoro, almeno hai la certezza che dietro ad ogni capo c'era un pò più di lavoro dietro...e utilizzandolo adesso, si è anche originali.
    Cosa vuoi di più dalla vita? Locano? =)

    RispondiElimina
  8. Secondo me non è il fatto delle scarpe in sè.. intendiamoci, le Louboutin sono scarpe meravigliose, fatte benissimo e che fanno sembrare le tue gambe lunghissime, e non posso darti torto sul fatto che costino troppo... ma è tutta una questione di modo di vedere le cose e di sentirsi. Non metto in dubbio che delle belle scarpe si trovano anche da Zara o altri negozi meno costosi (anche perchè tutte le mie scarpe vengono da lì), però è il fatto di risparmiare tanto per una cosa che veramente ti piace, e la soddisfazione di arrivare a quel traguardo e guadagnarsi quella piccola soddisfazione di andare in una boutique ed uscire con quella conquista racchiusa in una borsina ed il gusto di aver aspettato tanto e risparmiato altrettanto per raggiungere un obiettivo... ed ora possiedi quel piccolo oggetto "prezioso" da sfoggiare nelle occasioni in cui ci si sente così meravigliosi con ai piedi quel paio di scarpe... Non è un'ostentazione del marchio se vista in questo modo... per questo io odio gli oggetto contraffatti, perchè quelli sì che sono ostentazioni... solo per il fatto di dire "ecco guardate tutti come sono figa perchè ho il bauletto LV", quando in realtà l'hai pagato 10 euro dal primo "vu-cumprà" solo per farti vedere e perchè l'hanno tutti... dipende sempre da come si vede una cosa!

    RispondiElimina
  9. Bravo, per la roba 'nun-te-se-pò-vede-ma-costo-quanto-la-tua-intera-persona', mi riferivo proprio al settore commerciale di Dolce e Gabbana :)

    Per gli altri negozi, sì sì, anch'io me ne vado spesso con gli occhi che se ne escono dalle orbite tanto è brutta la roba che espongono, era un esempio per farti capire come a volte comunque si può trovare roba bella a poco prezzo (non sempre e non in tutti i negozi ovviamente). Ovviamente anche i negozietti senza nome ma con dignità mostrano a volte come si possa acquistare vestiario senza sentirsi leggeri (e non solo per i chili che hai perso mentre tiravi fuori la carta di credito :P) :D

    RispondiElimina
  10. eh eh eh l'inverno pare proprio quasi arrivato eh! O__O

    Io non sono una VICTIM dei capi firmati.
    E quei pochi capi di alta moda che ho li ho presi in outlet o cmq su bancarelle in svendita!
    Adoro fare shopping, ma la mia passione è girare per mercatini alla ricerca di capi a pochissimo prezzo. Più costa poco e più lo adoro. Oggi per esempio ho su un tubino blu di cotone pagato la bellezza di 5,00 euro, mentre il vestitino che ho indossato al matrimonio la scorsa settimana (remember) l'ho pagato ben 12,00 euro, con cintura annessa!!!
    Questo vuol dire che vestirsi bene non è necessariamente sinonimo di SPESE FOLLI. Basta avere buon gusto nella scelta di ciò che si indossa, e sopratutto bisogna saper portare con dignità e stile qualsiasi capo!
    E' quello che fa fascino, non il nome inciso sull'etichetta!
    Un bacio Rano

    RispondiElimina
  11. @FASHIONSENSATION: Anche io sono di questa idea. Con la fatica che facciamo per guadagnarci quelle due lire di stipendio (almeno, parlo per me), conviene spendere in quello che ci piace sul serio, non fare shopping tanto per fare.
    L'ostentazione non la concepisco manco io, ma purtroppo negli ultimi tempi questa tendenza è andata via via intensificandosi, vuoi per tutti questi libri e film in uscita.
    E diciamo che è quello che non vorrei accadesse mai è venir giudicato in base a come mi vesto. Purtroppo però so che questo non succederà mai perchè ci sarà sempre qualcuno che giudica. Ma dopo tutto la moda non è forse un modo di mostrarsi al mondo?
    Se io compro una cosa la prendo perchè mi piace in se, non certo perchè è firmato.

    @SAFE: Io sono uno che caldeggia molto i piccoli negozi, quelli magri un pò nascosti, dove ci arrivi camminando un pò ecc. Sinceramente tutti questi centri commerciali che stanno costruendo dalle mie parti inizziano ad essere un pò troppi, se mettiamo poi che un sacco di negozi storici del centro hanno chiuso in favore dei grandi store come H&M...mi sento male.

    P.S: Hai il mio indirizzo di posta?

    @GUADY: Dalle mie foto si nota che manco io sono un fashion victim, altrimenti mi sarei messo a fare la lista di quello che indosso alla fine di ciascun post. Secondo me poi l'espressione Fashion Victim è andata anche oltre. Per me significa appassionato di moda. Spesso invece viene preso in senso letterale, seguire cioè la moda in ogni suo dettame. Niente di più triste e omologato!
    Ti capisco quindi quando dici che più spendi meno meglio è. Immagina me che vado nel reparto abiti del negozio di usato, manco un bimbo in un negozio di giocattoli. Non capisco infatti come mai al giorno d'oggi la gente si scandalizza se legge che compri al nnegozio di usato andando fiera dei vestiti presi dal cinese... non lo capirò mai. I vestiti sono vestiti, e basta. Il bello è proprio questo, prendere gli abiti come se fossero dei giocattoli e...giocare.

    RispondiElimina
  12. Lo stile e la firma sono due cose diverse, conosco persone che hanno gusto e possono sembrare estremamente chic anche spendendo pochissimo e altre che per quanti soldi indossino sembrano sempre ordinarie. L'importante è avere uno stile personale, che stia bene con il nostro fisico e la vita che ci piace fare. Detto questo se non si tartassa il portafoglio credo si possa fare anche una follia per una griffe che ci attrae, ma senza pensare che questo di per sè faccia di noi delle persone eleganti.

    RispondiElimina
  13. ...allora, allora... da dove inizio??? :P

    Per quanto mi riguarda io sono la regina dei negozi low cost (senza Zara potrei morire... e se non ci passo per due settimane consecutive vado in crisi d'astinenza!) ma allo stesso tempo non posso non amare questi piccoli capolavori! La mia politica è questa: ogni mese rinunciare a qualche capo più economico che ritengo superfluo per poter acquistare un capo o un accessorio di fattura e qualità migliore. Ho preso così il mio primo (e finora unico...) paio di Louboutin... che sono state anche una gran botta di fortuna su Yoox!
    Ho un unico problema... non trovo accettabile l'idea di venerare una borsa o un paio di scarpe seppur costosi... tratto tutte le mie cose nello stesso modo, sia griffate che non... d'altra parte, sono o non sono fatte per essere usate???
    Senza dubbio bisogna sapersi controllare...anche perché trovo chi cerca di ostentare marchi a tutti i costi estremamente volgare e mi trovo perfettamente d'accordo con quanto scritto da Laura...
    la moda, almeno per quanto mi riguarda, è un sogno... e come tale va vissuta...

    RispondiElimina
  14. Nella mia esperienza, ho imparato a conoscermi e a capire di cosa ho veramente bisogno (scarpe che mi portino in giro per il mondo anche in condizioni proibitive? Borse che mi consentano di portare con me un pezzetto della mia vita, o semplicemente ciò che mi serve per lavorare? Cappotti basic che non passano mai di moda?) e dove è il caso di investire di più, compatibilmente con le mie tasche.

    Anche quella del marchio è un'esigenza, per alcuni, non mi sento di disapprovarla a priori a meno che non rappresenti uno stracciamento di maroni per tutti i presenti nel raggio di 2 km: alla fine, della persona che ho davanti continua a interessarmi di più quello che ha in testa piuttosto che il simbolo che ha addosso. E purtroppo per tutti, sia in chi ostenta la marca che in chi ostenta l'essere anti-marca, spesso il cervello è sempre più merce rara... -.-

    RispondiElimina
  15. @LAURA: infatti, basta che non diventi una fissazione assurda. Com'è possibile per una persona comune vestirsi solo di cose griffate? E' impossibile, a meno che non ci siano sempre babbo e mamma che sborsano. Trovo molto più accattivanti persone che magari si vestono low cost che persone griffatissime che somigliano a scaricatori di porto. Eh si, perchè la prima regola del buon gusto è non passare il limite. Ma al giorno d'oggi pare essere vero il contrario.
    Inoltre, come dici tu, è veramente appagante concederci uno sfizio ogni tanto, quando è possibile. Se diventasse la norma sarebbe noiosissimo.

    @ANGELA: Anche io! Low cost a vita. E se va avanti così Zara diventerà off limit. Sempre tutto uguale. Le ragazze sono sempre privilegiate! Sinceramente non faccio caso a quanto prendo in un mese, perchè alla fine non è che corro mai fuori dalla porta gridando la parola shopping. Mi capita invece di buttare l'occhio e se è una cosa carina la prendo.
    Ultimamente però mi faccio più scrupoli. Ragionamento da pezzente forse, ma mi chiedo sempre se il prezzo è adatto alla qualità. E spesso rinuncio all'acquisto. Non per il prezzo, ma perchè alla fine non credo valga la pensa spendere a caso.
    Anche io non venero niente, ok ci sono delle cose che mi piacciono molto e che vorrei, ma vivo anche senza. La moda è un lusso, quindi qualcosa di non necessario.

    RispondiElimina
  16. @MUSADINESSUNO: Il cervello prima di tutto, ma quanta gente ultimamente perde la testa per cose davvero futili?

    RispondiElimina
  17. No! Però ho visto che hai facebook, ti aggiungo da lì, poi ci scambiamo i contatti se ti va ;)

    RispondiElimina
  18. Rano, ho trasferito il blog viaggi! ne ho aperto uno nuovo, probabilmente su quello vecchio l'ggiornamento si riferisce al post di ieri sera dove annuncio lo spostamento!
    passa sul nuovo blog!!!
    http://viaggiverdeacido.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. Personalmente adoro scegliere ciò che indosso con cura, adoro seguire un tipo di stile.
    Quest'anno mi sono fissata col british xD Comunque però non spendo mai più di quanto vada speso. Certo, qualche capriccio me lo concedo una, due volte l'anno, ma non voglio mai esagerare, è anche una questione di principio in qualche modo. Il sapersi vestire non è una questione di denaro: c'è Zara, H&M e compagnia che vendono cose davvero graziose e non costano quasi nulla. Certo, le scarpe e le borse devono, per quanto mi riguarda, essere di qualità più che buona, perchè sono come la cornice di un quadro =) Sono le cose per cui spendo di più, sicuramente. Certo, di scarpe col tacco ne ho due paia, perchè ad andare in giro coi tacchi per me è una tortura cinese. Adoro le converse *__* ne ho 8 paia, raccolte negli anni anche quelle xD
    Adoro vestirmi, indossare accessori e scegliere borse e scarpe, ma non posso e non voglio strafare.
    La mia fortuna, immagino sia quella di non alzarmi mai in statura, il numero di scarpe è sempre stato 34 e la vita è sempre stata quella, quindi dei vestiti mi durano anche gli anni, e io i miei vestiti li tengo sempre benissimo.
    Per questo ho un guardaroba gigantesco senza dover spendere eccessivamente xD

    RispondiElimina
  20. @SAFE: Perfetto, aspetto notifiche allora! =)

    @CLAUNELGARAGE: Tranquilla, dopo ho visto che ti sei trasferita e ho già sistetato link e tutto il resto. Aggiungimi anche tu!

    @ANDROMEDA: In assolto anche io spendo molto di più in borse, accessori meno, e solo qualche vestito ogni tanto. Ma la mia passione restano pur sempre le t-shirt che con l'inverno mi toccherà per un pò accantonare.
    Di Converse io ne ho un paio solo con le borchie, se scorri i post le trovi! Anzi, fammi sapere che cosa ne pensi eh!
    Anche io come te ormai non cresco più, specie in altezza...sono un nanetto... pensa che le ultimissime cose prese da Zara sono del reparto bimbo! =)

    RispondiElimina
  21. Trovo che si possa essere alla moda e, soprattutto, avere stile anche non spendendo cifre esorbitanti così come è vero il contrario, avendo l' intero guardaroba firmato non è detto che si abbia buon gusto. Insomma, la griffe non è tutto. In questo caso stiamo parlando delle LOUBOUTIN, delle Signore Scarpe, di quell' oggetto del desiderio (almeno il mio) che non può essere paragonato a null' altro, di quel capriccio che almeno una volta nella vita bisogna soddisfare. Uno sfizio che spero togliermi al più presto, costi quel che costi :p
    http://rejectingtheobviousness.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. Carissimo, buongiorno/buonpomeriggio anche a te ^_^ hai visto i nuovi viedo postati?
    Kiss!!!

    RispondiElimina
  23. Si è vero a volte speciaamente nella moda famminile certi prezzi vanno oltre al valore intrinseco dell'oggetto, però è altrettanto vero che certi oggetti sono delle opere d'arte che suscitano delle emozioni, e chi può dare un prezzo alle emozioni? Magari si possono comprare quando sono in saldo o su internet risparmiando qualche cosa o pagandole in contanti così saremmo sicure che abbiamo a disposizione la somma necessaria, a differenza della carta di credito che induce a spendere di più di quanto si possiede e a farci ritrovare con un debito il mese dopo.

    RispondiElimina
  24. Come dice loran è vero che non si può dare un prezzo alle emozioni ma sinceramente, parlando di scarpe, al di là della bellezza e della particolarità della lavorazione non dimentichiamoci che sono semplicemente SCARPE e che la loro funzione principale è portarci in giro per le strade, in discoteca, in macchina e anche al lavoro; sono oggetti a contatto col terreno, la polvere e chi più ne ha più ne metta, si rovinano e usurano in fretta per cui l'unico motivo per cui un giorno potrei forse comprarmi quelle scarpe è per esporle accanto alla Tv come un soprammobile, non certo per usarle come scarpe!!!!!!
    Concordo pienamente con Rano quando dice che da Zara la roba è sempre + scadente, fino a qualche anno fa ero entusiasta di quella catena di negozi e trovavo sempre qualcosa che mi piaceva, e di qualità non dico buona ma almeno valeva i soldi che spendevo; adesso mi sembra tutto pattume ammucchiato lì, i vestiti pure per terra, i negozi sono sempre sporchi coi ciuffi di polvere grossi come topi sul pavimento (negozi di rimini e riccione, gli altri non lo so). H&M non so perché è moooolto lontano da dove vivo se riesco ad andarci una volta all'anno è molto!

    RispondiElimina
  25. Sono così emozionato da tutti i vostri commenti che non so che cosa dire! =)

    @FEDERICAF: Quello che dici tu mi trova daccordo solo in parte. Quando si parla di moda, e basta farsi un giro per i vari blog, tutti sono prontissimi a sbandierare il low cost, ma alla fine pochi riescono davvero a prestare fede a quanto hanno detto. Tutti abbiamo cose firmate, anche io, solo che non metto mai un completo con accessori firmati. Un po' perchè trovo l'accozzaglia volgare (il troppo stroppia) e poi perchè non ho così tante cose.
    Ma resto comunque dell'idea che uno sfizio ogni tanto dobbiamo togliercelo, non si può vivere per lavorare!

    @DOCESA: Mmmm adesso controllo! =)

    @LORAN: Indubbiamente, SONO delle opere d'arte, le scarpe femminili poi sono davvero molto particolari, ma proprio per questo hanno prezzi così assurdi e e forme così stravaganti che spesso sarebbe opportuno ammirarle solamente. Alcune sono belle per delle foto di moda, ma per uscire a lavoro o andare in discoteca assolutamente no.
    La mia prima vetrina infatti è ebay...prima corro li...poi altrove!

    @CHEARLY: Per quanto vorrei anche io un bel paio di scarpe, quello che mi frena ogni volta, a parte il prezzo imbarazzante, è l'uso che ne farei. Sono scarpe e se avessi ai piedi un paio di Louboutin da uomo e per disgrazia (cosa mooolto probabile) dovessi sgraffiarle...sarebbe un pò come una pugnalata al cuore! Qundi forse è bene andare in giro con qualcosa di più economico e che "faccia meno male"!
    Per quanto riguarda Zara, da noi stranamente il negozio è ben tenuto, ma secondo M è solo questione di tempo...poi anche noi saremo infestati dai topi!

    RispondiElimina
  26. A me piace molto , sarà che sono sua fun da sex and the city ! :) Cmq mi piace il tuo blog, spero di vederti nel mio e se ti piacesse spero mi seguirai :)
    Je
    http://onthemarry-go-round.blogspot.com/

    RispondiElimina
  27. Purtroppo i telefilm e il consumismo sfrenato americano ci sta dando alla testa. Le scarpe di Christian Louboutin sono indiscutibilmente perfette e indistruttibili su questo non ci sono dubbi!
    Ognuno ha la propria storia. Io se lavorassi ora i sensi di colpa li avrei lo stesso perchè mi partirebbe sempre metà dello stipendio o magari tutto, solo per un accessorio (e che accessorio!) andando all'università posso solo vederle nelle vetrine e sognarle.
    Capisco che l'accessorio fa la differenza ma qui si parla pur sempre di un lusso avanzato non accessibile al 70% delle persone al mondo.
    Io non sono solo una shoe-victim le scarpe le disegno anche, ho lavorato per una azienda di scarpe il quale padrone era parente di Sergio Rossi, quindi vi lascio pensare che qualità potessero avere!
    Ho avuto modo di constatare quanto fosse vero che la firma ha il suo mercato! Purtroppo dietro quel prezzo, nonostante sia lo stesso troppo elevato anche secondo il mio punto di vista, c'è una catena di montaggio inverosimile dietro, addirittura per un modello di scarpa c'è la formella e la forma del piede in legno creata su misura da un artigiano professionista pescato chissà dove in giro per il mondo e questo va ad aumentare considerevolmente il prezzo della scarpa! In questo caso per le scarpe di Louboutin è sicuramente così e si vede la qualità soprattutto dalla forma della scarpa non solo dal pellame.

    Riallacciandomi al fatto del costo mi viene in mente poi, che ci sono anche i saldi o magari si può acquistare un modello classico che non tramonta mai ma che però è di stagioni passate!
    Faccio un esempio io ad un mercatino sono riuscita a pescare 8 giacche vintage firmate YSL, Armani,Valentino,MaxMara ecc.. a 5 euro l'una! Sapevo già che quelle giacche erano di vecchie stagioni (antiche quasi :D) ma sono modelli classici intramontabili appunto e non mi sono rifiutata di certo nel comprarle! Quello che voglio dire è che si deve sempre guardare tutto con occhio critico prima di spendere tutti i risparmi in cose per cui potrebbero venirci i sensi di colpa!
    Questa è la mia modesta opinione :)

    RispondiElimina
  28. Oddio quelle Converse sono bellissime *__*
    Le avevo viste nella vetrina del negozio Converse a salerno tempo addietro, ma non avevano il 34 -.-
    Mamma mia e come ti capisco. Io quando devo comprare i pantaloni è una tragedia! Sono una 38 per 1.48 di altezza! Mi vanno lunghissimi tutti xD

    RispondiElimina
  29. @IAIA: Ciao e benvenuta tra le pagine di The man inside of me! Spero ti piaccia quello che scrivo! Devo ammetterlo...vedere sex and the city è stato l'inizio della fine! =)

    @DEAROSE: Non credere che io faccia poi tutto questo shopping! Il lavoretto che ho da anni non mi permette certo spese simili. Preferisco sempre spendere i miei soldi nel teatro o nei viaggi, cose immateriali è vero, ma che fanno crescere!
    Deve essere stata una bella esperienza quella di lavorare per un'azienda che crea delle scarpe, trovo affascinante il modo in cui nascono le cose. Io mi lamento sempre dei preziz assurdi, ma poi se andiamo a vedere, al di là della firma, capisco ci siano cose che hanno un loro costo. E so paga. Il casino è che c'è gente che della qualità se ne sbatte e compra solo per avere la firma. E trovo tutto ciò mooolto stupido.
    Io sono un abituè dei mercatini e dei negozi di usato ed è lì che compro quasi sempre delle cose molto carine. La valigia di Hugo Boss che mi ha accompagnato in Polonia viene da uno di questi e l'ho pagata solo 10 euro. Figurati! Come potrei non amare posti simili! E poi trovo divertente il curiosare e cercare tra le cose alla rinfusa qualcosa che potrebbe rivelarsi un vero tesoro.

    @ANDROMEDA: Ti piacciono? Le ho prese su internet! Qua di fianco trovi il link del negozio "Lo Stenditoio", il ragazzo che lo gestisce è gentilissimo, se ti interessa scrivigli una mail! Le Converse che ho preso io sono usate, ma come puoi vedere sono in ottimo stato tanto da sembrare nuove. =)
    Per i pantaloni ho dei problemini anche io, a volte li taglio e faccio io l'orlo, altre volte lascio stare. Ma sempre un problema rimane per noi piccole mascotte!

    RispondiElimina
  30. Grazie del tuo commento! Divento ora tua follower :) Non vedo l'ora di ricevere la tua mail con le tue idee ^^
    http://onthemarry-go-round.blogspot.com/

    RispondiElimina
  31. Le mitiche Louboutin!!!
    In effetti in questo post non si parla di scarpe ma di Arte!
    La suola rossa e' sicuramente il sogno di ogni donna, almeno quanto una Birkin e oltretutto un sogno un pochino piu' accessibile: spendere 500 euro per un paio di scarpe (magari con qualche piccolo sacrificio) e' sicuramente piu' fattibile che spenderne molte migliaia per una borsa di Hermes.
    E' pur vero pero' che le scarpe, a differenza delle borse, sono piu' soggette ad usura e infatti, pur avendone la massima cura, mi e' capitato di rovinare i tacchi o di graffiare il pellame di scarpe a cui tengo moltissimo semplicemente per colpa di un sanpietrino.
    Probabilmente e' questo il motivo per cui quando devo fare una spesa molto consistente per un paio di calzature ci rifletto sopra un po' di piu' che se dovessi spenderli per una borsa.
    D'altra parte sono assolutamente d'accordo con Punkie: meglio pochi ma buoni.
    Se compro un oggetto di pregio e di fattura impeccabile dieci anni dopo sara' ancora li' e piu' che di una spesa folle si sara' trattato di un piccolo investimento.
    Riguardo invece al discorso di fare il passo piu' lungo della gamba penso che chi spende tantissimo e' semplicemente perche' se lo puo' permettere.
    Non conosco nessuno che si tolga il pane di bocca per comprare vestiti!
    Le donne che spendono il loro intero stipendio per comprare borse e scarpe lo fanno semplicemente perche' a tutte le altre spese pensa qualcun altro.
    Poi francamente non mi piace giudicare: qualcuno puo' pensare che spendere 500 euro per delle scarpe sia un insulto alla miseria, qualcun altro puo' pensare che spendere 500 euro per un cellulare lo sia altrettanto... insomma ognuno con i suoi soldi deve essere libero di fare quello che piu' gli aggrada!
    Io sono una spendacciona ma non ho mai comprato una cosa solo perche' andava di moda o perche' era griffata o perche' "faceva figo", se compro una cosa e' perche' mi piace e, fatti due conti, riesco ad averla senza rinunciare a mangiare o ad andare in vacanza!
    E se devo essere sincera non mi sento mai in colpa per i miei acquisti anche se ammetto di tenere spesso le cose nascoste nell'armadio per un po' prima di farle vedere al mio compagno o a mio padre, ma semplicemente per evitare di sentirli brontolare!

    RispondiElimina
  32. Mi piace il tuo blog, l'ho appena scoperto per caso! :)
    Spero di vederti nel mio e se ti piacesse, non esitare a seguirmi :)

    S.
    http://unpuntoetutto.blogspot.com

    RispondiElimina
  33. @IAIA: Ci penserò sicuramente eti scrivo al volo se mi viene l'idea giusta! Grazie di essere diventata una mia seguace! Mwaahanah!

    @BAILING: Senza dubbio stiamo parlando di arte. E sono anche io dell'idea che se uno abbia i soldi è giusto che li spenda, sarebbe stupido il contrario. E' anche vero io CONOSCO persone che per stare al passo con le altre fanno spese folli, magari comprando una macchina e storcendo il naso di fronte a vestiti del mercatino, per poi finire a fare i pezzenti e mangiare brodino tutte le sere (o pane e cipolla) solo per non fare figuracce in giro. Ma figure di che poi? Sono scelte dirai, ok è vero, ma non è stupido voler apparire per forza in un modo che non ci rappresenta o vivere al di sopra delle nostre possibilità?
    Sta di fatto che neanche io critico chi fa spese di questo tipo, a volte quando capita succede anche a me (mooooooolto di rado), e se avessi uno stipendio decente anche io prenderei cose che costano un pò di più. Però è allo stesso modo uno schiaffo alla miseria, sia per borse/scarpe/abiti o cellulari. Se si pensa un secondo a quanti soldi sono e a quanto meno ne servirebbero per sfamare certi bambini...c'è solo da mettere la testa sottoterra.

    @SARA: Ok farò un salto.

    RispondiElimina
  34. Ciao, sono una nuova follower e voglio dire anch'io la mia ^_^
    Secondo me la verità è che siamo tutti, io per prima, condizionati da quello che vediamo quotidianamente. E' il classico processo di propaganda. Le Loboutin (come tutte le grandi firme) sono così venerate e desiderate proprio perchè sono così tanto sponsorizzate!Le vediamo indosso alle modelle, alle fashion blogger con più disponibilità finanziaria, nelle donne famose. Ora, pubblicità a parte, io le trovo irresistibili! La suola rossa da quel tocco di sensualità a delle scarpe di per sè fatte benissimo! Però da qui a magari non fare la spesa pur di comprarle (perchè ci sono anche questi casi) ce ne passa!
    Vogliamo tutti la borsa Vuitton, ma ci piace davvero la trama marrone ? Chissà... Intanto i soldi li spendiamo e siamo felici...
    Secondo me bisognerebbe essere più elastici di mente, magari risparmiando si possono prendere delle Loboutin però se si ha bisogno di una maglietta e al mercato o dai cinesi si può trovare a tre euro perchè storcere il naso? A volte ci sono dei colori e dei modelli molto belli! Bisognerebbe saper equilibrare i soldi che si spendono per accontentarci pienamente!
    Secondo me una donna comune può essere bellissima e chic con un vestito costato 6 euro e delle Loboutin ai piedi! La verità è che chi ha molti soldi spesso non conosce il loro VALORE e preferisce spendere e spendere migliaia di euro (con cui magari visiterebbe mezzo mondo) piuttosto che fermarsi e riflettere su quello che vuole e di cui ha bisogno.
    Concludendo, le firme mi piacciono ma non disdegno un mercatino per niente!
    xoxo

    http://elenytabrokenrose.blogspot.com/

    RispondiElimina
  35. Ciao Rano, passavo solo x dirti che spero ti faccia piacere sapere che ti ho linkato nei miei bloggettini!!
    Non ho un folto pubblico ma ti leggo sempre volentieri quindi... :D

    RispondiElimina
  36. @ELENYTADIVA: Ciao e benvenuta tra noi, non sai come sono felice quando qualcuno di nuovo approda da queste parti...e spero resti fedele! Quindi lunga vita a te nuova follower!

    Venendo a noi è ovvio che tutti siamo condizionati. Viviamo in un mondo controllato dal mercato che spinge tutti quanti noi a comprare e a spendere per riempire dei vuoi che possiamo avere. Quindi magari anche chi non è appassionato di moda finisce per essere vittima perchè magari a scuola o a lavoro iniziano a girare un certo tipo di borsa o un certo tipo di cellulare. Quindi sfatiamo sto mito che solo le donne o gli appassionati di fashion spendono per cose di cui non hanno bisogno.
    Io non disdegno affatto la firma, anche se in genere cero di aggirare l'ostacolo in favore di qualcosa di un po' più economico e che non mi mandi sull'astrico! La firma mi piace, ma trovo più divertente la ricerca di quella cosa particolare piuttosto che entrare in boutique e mandare in rosso la carta di credito!
    Quello che non mi piace dei cinesi ad esempio è la fattura. I loro capi spesso oltre ad essere colorati con un largo uso di acrilico che fa malissimo alla pelle, sono anche tagliati male e quando ne provi uno te ne rendi conto. Il punto forte però è che sul mercato sono molto competitivi per via dei prezzi bassissimi. Anche io ho preso delle cose da loro ma le t-shirt, che io amo alla follia, durano pochissimo, e dopo 3 lavaggi sono completamente sformate. Quindi magari cerco altrove.
    Concludi dicendo che "le firme mi piacciono ma non disdegno un mercatino per niente!", beh direi che siamo quasi fratello e sorella allora!
    xoxo anche a te.

    @CHEARLY: Ma scherzi davvero? Mi fa un grandissimo piacere. E anche io ti ho linkato con grandissimo piacere! Viva noi allora.

    RispondiElimina
  37. @rano: è vero... in effetti le scarpe tendono a rovinarsi di più. cmq a parte un' eccezione di un paio di sandali di dolce&gabbana delle quali mi si piegò il tacco, ho avuto sempre esperienze positive con le scarpe di marca. Ho la fortuna di avere un outlet favoloso vicino casa, quello dove prendo praticamente tutte le cose firmate che ho. Quasi dieci anni fa comprai degli stivali di sergio rossi a 180 euro (prezzo tutto sommato abbastanza contenuto, dato che adesso a quel prezzo li trovi da zara...). All'epoca andavo sempre a ballare (ero piccina!!!) e li indossavo praticamente tutti i weekend... poi pensa in disco, dove tutti ti pestano i piedi... li ho messi con pioggia, con la neve... ebbene, sembrano ancora nuovi. certo la pelle un po' è invecchiata, ma il paragone con altri stivali, sempre il pelle e cmq pagati non poco, non regge. Idem per le mie decolletes ballin, anche quelle prese a 60 euro in un banchetto di stock al mercato. In raso nero, messe pure quelle a ballare per anni... sono ancora in buonissime condizioni.

    dato che non navigo nell'oro, sono la prima a pensarci bene prima di fare un acquisto. E pensa che nonostante questo, anche dopo averci pensato su per mesi, a volte mi pento cmq dell'acquisto!
    di louboutin ho una cluthc, che ha la chiusura fatta a scarpine... è deliziosa. ho avuto la fortuna di "ereditarla" dalla zia del mio moroso... sono andata a controllare... costa almeno 700 euro!! ecco per una borsa così piccola non li spenderei MAI! se invece è un modello sfruttabile... penso ne possa valere la pena. sarà che l'unica volta che mi sono fatta regalare una borsa di coccinelle, pagata pure 130 euro, ho dovuto tristemente constatare che.... rullo di tamburi... mi bucava i vestiti! ho dovuto buttare uno dei miei preferiti!!! essendo in parte in rete, è un po' ruvida. camminando sfrega contro il fianco e pian piano consuma i tessuti. ho scritto anche al servizio clienti per segnalarlo! ora la uso solo in qualche occasione, magari al mare, dove porto sempre borse di poco valore.

    RispondiElimina
  38. @PUNKIE: Ecco nel tuo caso l'averle ereditate aiuta moltissimo perchè anche se costano tanto te le sei ritrovate per le mani e fa più soddisfazione. E' vero che uno può anche fare dei sacrifici e prenderle con calma, ma un regalo fa sempre gola.
    Anche io ho delle cose che porto da anni, addirittura i sandali del post precedente sono di mio padre! Tanto per farti capire che la roba buona dura più a lungo. La qualità si paga.

    Non so quanto sia in qualità ma pensa che mentre ero alla ricerca di una borsa simile alla 2.55 di Chanel sono entrato da Zara a Firenze e ne ho vista una simile, modello classico però. E' stata una doccia fredda vedere che da Zara quella borsetta costava 80 euro! Mica poco per essere Zara cavolo! Senza contare poi il modo in cui tengono il negozio. Ok che è uno di quei posti dove vanno tutti, ma vedere abiti per terra con la gente che ci cammina sopra e poi vedere sti prezzi è da collasso fisico.

    RispondiElimina
  39. Io personalmente per scarpe e borse non transigo nel senso che, essendo gli accessori che vanno a valorizzare tutto un outfit, devono essere di buona qualita' e davvero belli, ragione per cui i miei acquisti sono prevalentemente griffati.
    Bisogna poi dire che alcune delle borse piu' importanti che ho le ho comprate in saldo (purtroppo quelle classiche in saldo non ci vanno e quindi mi e' toccato sborsare il prezzo pieno!) e che le scarpe le compro quasi sempre in saldo o in outlet quindi pagandole sempre circa la meta' del loro prezzo iniziale.
    Poi per quello che riguarda i vestiti sono d'accordo con chi dice che essere ossessionati dalle firme e' da sciocchi: io compro molti vestiti firmati (parte di questi in outlet, parte in saldo, alcuni anche a prezzo pieno), ma compro anche alcune cose nei negozi low cost (mai capi spalla pero' perche' vale lo stesso discorso di scarpe e borse: giacche, cappotti e trench devono essere belli, di materiali stupendi e ben rifiniti quindi preferisco avere un solo cappotto ben fatto che 10 schifezze).
    E poi compro anche nei negozietti di artigianato locale piu' assurdi quando sono in viaggio oppure nei mercatini vintage: ho vestiti stupendi pagati 15 euro e camicette ricamate degli anni '50 pagate 5 euro!
    Pero' dai cinesi mai e poi mai non solo per motivi di qualita' ma anche e soprattutto per motivazioni etiche: insomma i tessuti sono super sintetici, spesso si sente in giro di sequestri di prodotti tossici e oltretutto le condizioni di lavoro sono da far spavento, probabilmente impiegano anche dei bambini... per carita'!
    Le cose made in China non le compro neppure piu' nelle catene low cost!

    Comunque dissertazioni a parte: ho letto sul blog di Isa che sabato sarai a Firenze! Ci sono anche io!
    Sempre che riesca ad entrare in citta' in macchina senza morire nel traffico!

    RispondiElimina
  40. Io la penso come te, meglio pochi ma buoni! Non ha senso riempire l'armadio di roba. E' vero anche che giusto ieri ho dato al mio cuginetto delle cose mie, ma non è che con la filosofia del prendo-tanto-poi-mollo-a-lui mi riempio di roba!
    C'è da dire però che se ci mettiamo a guardare la roba cucita in cina non dovremo più prendere nulla, persino Ralph Lauren cuce la roba laggiù, e nessuno sa se sfruttano bambini oppure no! I cinesi sono pure alla Rinascente!!

    Non sapevo che venivi a Firenzeeee! Daiiii! Ma che bella notizia, finalmente avrò l'occasione di conoscere la mia sorellona!! Sono emozionatissimo! =)
    Per il traffico non so che dire, trovo che ci siano città ben più incasinate di Firenze. Conosci Paola di Pensieri in standby? Lei è di Firenze...o anche la Colzi...forse possono dirti dove parcheggiare!
    Ahhh....e poi con questo mi vuoi dire che sarai accompagnata dal signor G????

    RispondiElimina
  41. Grazie mille dei tuoi commenti, sono sempre + piacevoli :D
    Un bacione, Je

    RispondiElimina
  42. Io e la mia amichetta Polly abbiamo aperto questo blog allo scopo di mostrarvi le nostre foto, in cui io faccio da modella e Polly da fotografa, e dimostrarvi che lo stile non è una questione di denaro. Tutto ciò che indosserò saranno i miei vestiti o abiti prestati (da mia mamma, da mia nonna o da amiche). Polly ed io non siamo certo grandi esperte di moda e non pretendiamo di esserlo. Per noi vestirci è divertente, un modo per esprimere la nostra personalità. E organizzare questi piccoli servizi fotografici è di sicuro una delle nostre più grandi passioni :)

    - è appena nato e ci piacerebbe avere dei lettori :)

    http://stellacarota.blogspot.com/

    Saluti, grazie.

    RispondiElimina
  43. @JESSICAMURA: Sono sinceri. =)

    @STELLACAROTA: Vi auguro un grosso in bocca al lupo e ci vediamo sul vostro blog...e anche qua volendo!

    RispondiElimina
  44. Siiiiiiiiiiiiiiiiii RANO! ..."siamo appena tornatiii.."! :D eheh skerzo... siamo tornati da un bel po'... ma ancora non ci eravamo ripresi! :D :D ... Bacioni!! :)

    PS: per le scarpe che dire... beh son belle! :) Mi piacciono quelle con i tacchi molto sottili e lunghi! :D :D ...per il resto non me ne intendo come sai! :) :)

    RispondiElimina
  45. Immaginavo che eravate già qua, ma mi chiedevo quando avreste fatto avere vostre notizie! Ho visto le foto e sono rimasto estasiato!
    So bene che non ti intendi di scarpe, come me dopo tutto! Mi limito a esprimere il mio modesto giudizio sull'estetica e sui prezzi...sempre troppo alti!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...