5 settembre 2010

Melodrama 2010 - Festival Polacco a Jelcz Laskowice


"Avvistato! Rano colto in atteggiamenti ambigui tra le braccia di uno straniero durante un festival teatrale! E' l'inizio di un piccante scambio culturale?".
Queste le parole che Gossip Girl avrebbe pronunciato nella serie tv.

Trovandoci nella vita reale queste sono le parole che il nostro regista ha pensato nello scattare questa foto a mia insaputa. Adesso so che cosa vuol dire essere Serena van der Woodsen!

Ma veniamo a noi e come promesso ecco una super-mega carrellata di foto (in tutto sono 600, ma ve le risparmio) scattate durante la trasferta teatrale in Polonia per la messa in scena di Antigone.

Io e Beatrice
Con Renzuccio mio, Creonte nello spettacolo.

Partiti con il treno da Livorno per recarci a Firenze (strano vero?) e salire su un pulman per iniziare il vero viaggio, durato quasi 21 ore! Un giorno insomma. Un giorno vero.

Dal basso: Deborah, Irene, Silvia, Io, Elisa e Fabrizio.
E una foto al mio bagaglio no?

Tranquillo come non mai ho atteso il momento di prendere il pulman che partiva un paio di ore dopo, tipo alle tre e mezzo. Alessandra (che vedrete dopo) era già stanca...e il bello doveva ancora venire, ma io, con giorni di anticipo mi ero preparato a questo viaggio più fisico che interiore.


Eccoci qua tutti belli carichi sul pulman! Noi unico gruppo di italiani...l'altra metà erano bandanti di ritorno nella madrepatria! E anche a questo ero preparato. =)



 Questa una delle 5-6 soste che abbiamo fatto. Avevamo già passato la notte cantando, sbraitando, dando noia agli altri che volevano (giustamente) dormire, non vedevamo l'ora di arrivare...e mancavano ancora 5 ore mi pare. Difatti abbiamo iniziato a spararci caffè in endovena...dopo aver fatto i conti col cambio (di già)...se mostravi l'euro venivi squadrato come uno scappato di galera e armato fino ai denti.

Il nostro ostello. La nostra casa. Sede di festini notturni ogni giorno fino alle sei del mattino.

 


Non sono avido di foto. Il casino è che nel posto dove stavamo noi, a parte che ci volevano 40 minuti per raggiungere le tende e il parco dove si svolgeva il festival, non c'era nulla...ma nulla di nulla. Neanche le persone. Quindi Jelcz...non è un posto dove c'è qualcosa da vedere, a parte il nulla. Unico lampione nella notte era questo piccolo Pub dove abbiamo festeggiato l'ultima sera tutti insieme: Italiani, Francesi, Spagnoli, Polacchi. Un bel mix no?

Io assieme a Sara e Simona, le due cantanti liriche che hanno partecipato al Cantiere Lirico.

Il pass che avevamo per entrare al festival e vederci tutti gli spettacoli "aggratisse". Madonna come mi sentivo figo!

Le giornate iniziavano con una ricca colazione e il successivo spostamento al festival dove Paola, la nostra insegnante di movimento, teneva il "Waking up" con corse, flessioni ed esercizi dove sudavi anche l'anima. 



Il tempo non è mai stato dei migliori, ha quasi sempre piovuto. Ma nonostante l'acqua noi non ci siamo mai arresi e abbiamo continuato a fare sempre le nostre lezioni e quelle che gli insegnati stranieri ci proponevano. Anche questo faceva parte del viaggio no?

Una delle tante...troppe, foto "a scemi" che abbiamo fatto.

Qua provavo a fare il figo.


I ragazzi francesi sono stati sempre a dir poco spettacolari, nonostante il sudore, la stanchezza e le numerose prove a cui tutti noi eravamo sottoposti ogni giorno, loro hanno sempre trovato la forza di fare tutto quanto, senza mai perdere un capello. Favolosi.

Momenti ballerecci: dopo gli spettacoli la tenda si trasformava prima in ristorante e poi in discoteca!

Io che faccio i visi con Victoria e Isa, due ragazze spagnole.

Italia y Esapna todos juntos!

Vogliamo poi parlare del lussuoso mezzo di trasporto amorevolmente chiamato Scarcassone?



Altra fotuzza con Simona e Sara, ottime compagne di viaggio.


E che dire dei ragazzi dell'Extremadura, gli spagnoli?


Io col professore di dizione dei ragazzi spagnoliti! Una persona mooolto particolare. =)

Inizialmente sembrava che facessero vita a parte, in realtà stavano facendo le prove dello spettacolo che più mi è piaciuto e mi ha scosso all'interno della rassegna. Pochi spettacoli mi hanno fatto pensare così tanto, pochi mi hanno lasciato senza parole. Pochi mi sono sembrati così perfetti e coinvolgenti. Sarà forse perchè ero al centro del palco assieme a loro?
E' vero, gli spagnoli hanno una marcia in più.


Questo il video con il workshop dei clown, le prove dello spettacolo degli spagnoli con un piccolo assaggio di quello che era,  e un piccolo assaggio anche del nostro Antigone (ci sono anche io!!!).


Senza farlo apposta ci siamo ritrovati una sera con tutti le righe addosso e non potevamo non farci una foto. Troppo carina vero? In alto c'è Giullome (spero di averlo scritto bene) è uno dei francesi, l'altra ragazza bionda francese anche lei...ma non ricordo il nome. Poi ci siamo io e Deborah. Boia come siamo nani.  =(


Lo so, eravate curiosi di vedere il giaciglio dove dormivo, parlavo, mangiavo, mi spogliavo...insomma un pò un casino, ma vi posso assicurare che ci siamo divertiti a condividere lo spazio. Il professore spagnolo quando venne a trovare i suoi alunni e per caso entrò in camera nostra chiede quando fosse scoppiata la bomba... =)

Una barbonata sulle scale interne del Comune, dove per due sere consecutive ha ospitato la nostra cena...e i nostri casini fino a tardi.

Io e Ivan, Francese anche lui. Grande uomo...e uno stile nel vesti veramente mozzafiato, degno di Sartorialist!

Per chi pensa che abbiamo folleggiato solamente e fatto teatro fino allo sfinimento si sbaglia (ma solo in parte eh), ci siamo anche concessi una gira di un giorno a Wroclaw, a un'ora di macchina dal festival.

Adoro questa foto!
Con Fabrizio e Elisa...una delle corse al nano!

Wroclaw è una città decisamente più popolata del paesino dove stavamo noi, qua c'erano persone! Somiglia moltissimo a Salisburgo, stesse casine, stessi colori, molto caratteristica nel suo piccolo. La cosa più carina è stato sapere che sparsi per la città ci sono dei piccoli nanetti in bronzo come quello che vedete nella foto. Pare che toccando il naso e la punta del cappello si attirino soldi...Non vi dico le corse per cercarli! Pareva di giocare a Trova il nano e toccalo. =)


Non è mancata neanche la foto da fashion blogger. Scusatemi, non ho resistito! Venuta bene, no? Ero alla fermata dell'autobus la mattina della gita. Ah...tra parentesi...un viaggio di un'ora costa 1 euro. E ho detto tutto eh.


Non poteva poi mancare il pranzo in un posto così cooool da far impallidire Paris Hilton: Il Novocaina. Scoperto qualche giorno prima dalla nostra insegnante, ha voluto poi portare alcuni di noi in questo posto perchè come disse lei "è troppo bello per non essere visto". E difatti... Divanetti in damasco rosso come sedie, televisori al plasma in cornici oro, un'apparecchiatura ricercata, un pranzo leggerissimo, e un prezzo davvero irrisorio.
Ah...il fine settimana questo posto figo si trasforma in un night club...e come poteva essere altrimenti. Dovevate vedere cos'era il seminterrato...e i bagni!
Come ha detto Beatrice...sembrava di stare a The Hills!


Per ultimi, ma non certo per bravura, un paio dei ragazzi fracesi, i clown insomma, che ci hanno fatto scompisciare dalle risate per un'ora mettendo in scena un'insolito Amleto di Shakespeare, come mai l'avevo visto...pieno di colori, marachelle, risa, urla...e dei costumi favolosamente utilizzati. Anche questo è teatro, ed era fantastico. E il trucco? Ne vogliamo parlare? =)


Benchè fosse l'ultimissimo spettacolo, ho potuto godermi i clown francesi affiancato da due delle persone che più carine e simpatiche di questo soggiorno: Ruth e Ruben. Ancora una volta Spagna!
I complimenti che ho ricevuto, i sorrisi, gli abbracci che ci siamo dati l'ultimo giorno mi hanno fatto scoppiace a piangere. Persone con cui ho condiviso momenti indimenticabili, persone dolci, e rese ancora più affascinanti perchè parlavano una lingua straniera, che non è mai stata un limite e a cui ho sempre saputo far fronte.

Mi si lacera il cuore se penso che il soggiorno polacco è finito e adesso siamo tutti tornati a casa. Forse, dicono, ci sarà un seguito, qualche collaborazione. E io ci spero con tutto il cuore, perchè adesso la cosa che vorrei è poter stare ancora con quelle persone.

18 commenti:

  1. 1- ora che ho anche le foto compromettenti posso inviare il mio articolo al los angeles times. f.to hedda p.s. l'avevo detto io!
    2- perchè non riesco a vedere un sacco di foto, che si limitano alla cornice e al beato quadratino con la crocetta rossa in alto a sinistra? uuuh! ora le vedo: ma dopo aver richiesto l'anteprima del commento... ma!
    3- Guillome
    4- rano-cchino mio, wroclaw ha 640.000 abitanti, una bella quantità di grattacieli, e un'area (metropolitana?) di 293 km2 - salisburgo ha 150.000 abitanti, un'are di 66 km2 e non mi ricordo di aver visto un palazzo che avesse più di quindici piani (ma ti dirò, nemmeno dieci). A quale dele due ti riferisci quando dici: "nel suo piccolo"?
    5- siccome non sono gelosa, ma certo mi sarebbe piaciuto esserci, questo tuo bolg mi ha altalenato le voglie: avrei voluto vedere lo spettacolo degli spagnoli, ma la pioggia nella desolata campagna polacca poteva essere devastante per lo spirito (come fu per la desolata campagna polacca a maggio), per esempio... oppure, conoscere tutti quei teatranti "dal mondo", bello! cercar di dormire mentre CI facevate le sei del mattino insieme... bella la mi' 'amerina!!!
    baciotti
    silvia r.

    RispondiElimina
  2. Che figata Frà!
    E complimenti, ti mantieni sempre bene u.ù

    RispondiElimina
  3. @SILVIA:

    1 - Manda pure le foto a chi vuoi...tanto ormai!

    2 - Blogger a volte fa scherzi...ma non so come mai non vedi alcune delle foto.

    3 - mmm ok.

    4 - Io in geografia e robe simili non sono certo un asso...ma quando dico che è simile mi riferisco al clima che c'è e un pò allo stile.

    5 - Non sai le volte che ti abbiamo rammentato. Mancavi tu a farci da mamma, ma come vedi abbiamo fatto i bravi! =)

    @FRANCOISE: Troopo figata hai ragione! Non hai idea di come sia stato bene laggiù, posto un pò triste, ma la gente era favolosa! =)

    RispondiElimina
  4. Complimenti deve essere stata una bella esperienza, mi piace la tua recitazione.
    Anche la foto con Creonte potrebbe avere degli spunti per Gossip Girl:-) interessante il ragazzo francese nel primo video.

    RispondiElimina
  5. Ma dai che bella esperienza che deve essere stata... una bella trasferta però 21 ore di pulman... anche se quando la compagnia è piacevole diventa tutto più leggero :)

    PS qualche problemino anch'io con le foto, ma ho risolto aprendole in una pagina a parte...

    RispondiElimina
  6. @LORAN: Verissimo, una esperienza che sarei pronto a ripetere anche domani! Sono stato davvero benissimo.
    Creonte è un mio caro amico e con lui non ci sono speranze te lo assicuro...ma non si può mai sapere come potrà prenderla Gossip Girl!
    Il francese del primo video era molto simpatico, un vero personaggio!

    @MAJIN: Esatto, alla fine il casino era il dormire su quel cavolo di pulman senza poter stendere le gambe. Da sparo.
    Strano per le foto, io le vedo tutte tranquillo, e anche M ieri le vedeva bene. Boh, vai a capire internet!

    RispondiElimina
  7. attendevo con ansia questo post!!!
    Rano, CHE FIGATA!!!!! Quanto mi piacerebbe fare un'espierienza del genere con la mia compagnia teatrale......
    Tutto stupendo. Tu, le foto, il racconto!
    Non mi deludi mai! ^___^

    RispondiElimina
  8. Sei stato bravissimo, io quando sono reduce da esperienze così entusiasmanti faccio una fatica boia a raccontarle, e invece leggendo te pareva di essere nel tuo gruppo! Bello il Ranocchio mio! :*

    RispondiElimina
  9. @GUADY: Ma davvero aspettavi il post? Non ci posso credere! Spero che ti sia piaciuto e che hai avuto una vaga idea di quanto sia stato bene in quei giorni!Se ti capita un'esperienza simile a questa non esitare a buttarti, devi essere pronta a tutto ma proprio per questo poi non vorrai più tornare indietro! Grazie mille dei complimenti ciccia!

    @MUSADINESSUNO: A me ha fatto un male boia anche solo rivedere le foto, pensa che la maggior parte del viaggio di ritorno...non facevo che piangere. E' stato un vero trauma lasciare quel posto e quelle persone. =(

    RispondiElimina
  10. Oddio! Viaggiare è la mia passione. Non parlo solo di quando arrivi, ovviamente (anche se poi guando vai in giro a guardare cose mai viste è bello a dir poco), ma parlo del viaggio in se, quando hai tutto il tempo di stancarti con calma e arrivare guardando paesaggi strani, con musica strana ecc ecc. Un viaggio di 21 ore dev'essere bellissimo! *__*
    E poi la Polonia è bellissima, la conosco perchè papà ci va in viaggio per conferenze da anni, e mi è sempre piaciuta! Beato! =)

    RispondiElimina
  11. Che bella combriccola...è proprio in questi casi che, vedendo l'allegria che traspare dalle foto e i simpaticissimi video, mi vien da pensare che in fondo non importa dove andiamo e se intorno a noi c'è solo il nulla da fotografare ma importa con chi ci andiamo...
    Hai degli amici simpaticissimi!*_*Li voglio anch'ioooo così... :D
    belle anche le foto, specie quelle spontanee..mi piace un sacco quella in cui sei nel NOVOCAINA...bella davvero!
    buona giornata Rano!
    kiss kiss, Grazia.

    RispondiElimina
  12. @ANDROMEDA: Anche a me piace molto viaggiare e non appena ho un pochetot da parte cerco di andare via, anche solo per un paio di giorni. Serve a mettere la vita in prospettiva. Solo che c'è da dire che un viagigo di 21 ore in pulman è devastante sul serio...mai più un viaggio in pullman così lungo, aereo a go go! Toh.
    Come paesaggi non saprei dirti, forse dovrei visitarla un pò meglio, ora come ora ho visto davvero molto poco!

    @GRAZIAC: Sono daccordo, la sistemazione lasciava molto a desiderare ma la compagnia era ottima e sono stato benissimo. Non so cosa darei per poter tornare laggiù.
    Le foto spontanee sono le mie preferite, peccato non possano sempre essere così!
    Buona giornata anche a te bella.

    RispondiElimina
  13. Beato te che hai migliaia di foto che ti ritraggono! Io di questa estate e della mia esperienza di bagnino ne ho 1 sola ed è quella che ho messo di spalla sul blog.. Motivo? Semplice, non c'è mai nessuno che mi fa le foto..

    RispondiElimina
  14. Si si l'ho presente. Comunque gran parte delle foto che mi ritraggono sono sudate! Spesso sono io a chiedere che me le facciano! Sennò finisce che io ne scatot un milione a gli altri e nessuno a me. =) Devi insistere caro mio.

    RispondiElimina
  15. Ho letto tutto il post davvero d'un fiato. Non so come commentare. So solo che hai fatto, imo, una bellissima esperienza che credo ti rimarrà dentro. Un saluto.
    J.

    RispondiElimina
  16. Madonna,21 ore di viaggio?
    Io sarei morta mi sa,stecchita proprio!
    Ahah.
    Però va bè..dev'essere stata sicuramente un'esperienza bellissima per te..e dalle vostre faccine si vede che vi stavate divertendo un sacco ^^

    RispondiElimina
  17. Il viaggio è stata la parte più dura di tutto quanto, ma una volta scesi abbiamo subito trovato il modo di far andar via la stanchezza. E' stato bello e non mi stancherò mai di dire che sarebbe bello poter ripetere ancora questa esperienza polacca.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...