22 ottobre 2010

Monumento a Ciano, Livorno

Happy Friday!
Finalmente siamo arrivati alla fine della settimana! Thanks God!
Altro post dedicato alla storia di Livorno. Come accadde per lo Scoglio della Regina adesso vorrei far conoscere a tutti voi il monumento a Ciano e far conoscere un altro po' la mia Livorno a chi non c'è mai stato.


Prima di tutto chi era Ciano? 
Gian Galeazzo Ciano, detto Galeazzo, era un diplomatico e politico italiano nato a Livorno nel 1903 e morto a Verona nel 1944. Quest'uomo ricoprì moltissime cariche di alto livello, fu anche ambasciatore e ministro degli esteri. Ma la cosa più importante e che a livello storico costituisce un intreccio interessante è l'aver sposato nel 1930 Edda Mussolini. 
Nel 1937, su probabili pressioni del Duce, fu coinvolto nel duplice omicidio dei fratelli Carlo Rosselli e Nello Rosselli, colpevoli di essere i fondatori del movimento antifascista Giustizia e Libertà. Ciano inoltre era un anti-tedesco e durante la guerra fece di tutto per tenere lontana l'italia dalla Germania, al punto che Hitler  spedirà una lettera a Mussolini dicendogli testuali parole "Ci sono dei traditori nella tua famiglia". Al Gran Consiglio del fascismo Ciano votò la mozione di riportare il potere e il controllo dell'esercito in mano al re. Duro colpo che mise in crisi il suo rapporto con il Duce. Il Gran Consiglio fu considerato alto tradimento e Ciano assieme ad altri funzionati vennero giustiziati al poligono di tiro. Ciano con due colpi alla testa. 


Costanzo Ciano: fonte immagine.


In realtà questo monumento, che sorge su Monteburrone sulle colline livornesi e vicinissimo a Montenero, fu eretto per Costanzo Ciano, il padre di Galeazzo. Sinceramente non mi spiego il perchè visto che Costanzo non ha avuto una vita molto avventurosa se paragonata a quella del figlio. 

Il progetto originale del monumento avrebbe dovuto contenere la tomba di Ciano, iniziata a costruire dopo la sua morte nel 1039. Una grande base di marmo sormontata da una statua del gerarca e un un grosso faro a forma di fascio littorio (simbolo di potenza e autorità nell'antica Roma).
Il regime fascista però impedì il completamento dell'opera lasciando questo grande torrione, mentre il faro fu minato e fatto saltare dai tedeschi.



Resta pochissimo dell'antico progetto. Ai lati dell'entrata si intravedono due aperture però inagibili, due stanze che non si sa dove portano. Il basamento su cui la statua avrebbe dovuto poggiare è incompleta. 
Il monumento è abbandonato da un sacco di tempo ormai e sottoposto alle intemperie e numerosi vandalismi. Noi Livornesi ci chiediamo spesso come mai non riqualificano questo posto, per il momento nascosto dal bosco e dalla vegetazione. Pensate che qua mi ci ha portato mamma, dice che da piccola ci andava spesso, mentre io non ci ero ancora mai stato. 


Ciò che però non possiamo non notare è la bellissima vista che si gode dal monumento. Sarebbe bello poter far rivivere il monumento di nuova vita, ma a quel punto inizierebbe anche ad arrivare gente e questo luogo perderebbe quel misticismo e quel mistero che tutt'ora porta con se.

Si preannuncia un bellissimo we quello appena iniziato.
Domani sera festeggiamo il compleanno di M assieme ai nostri amici e domenica andiamo a Firenze per l'annuale fiera della Creatività. So già che ne uscirò devastato. =)
Voi fate i bravi eh.

20 commenti:

  1. Ciao Rano.
    Mi ricordo una visita al monumento di tanti anni fa. Salii sul tetto del monumento quasi trascinato da due miei amici dell'epoca (considerato che soffro pesantemente di vertigini dovettero agguantarmi un paio di volte). La vista è meravigliosa.
    Peccato che, come molto spesso accade, i monumenti non solo non vengono salvaguardati, ma, come in questo caso, sono oggetto di scempi assurdi. Mi ricordo che ai tempi si vociferava addirittura di messe nere dentro quel mausoleo (ma magari erano solo bivacchi di senzatetto).
    Buon WE e non ti devastare troppo.
    Devastati il giusto e fai gli auguri a M da parte mia.
    Johan

    RispondiElimina
  2. Ciao! Davvero carino il blog! Complimenti...C:

    RispondiElimina
  3. Ciao caro!!!
    Che bel post!!!Hai fatto benissimo xkè io nn ho mai visto la tua città :D la seconda foto mi piace moltissimo!!! Buon week-end!!!Bacio

    RispondiElimina
  4. Interessante il post l'italia è sempre piena di posti sconosciuti.

    RispondiElimina
  5. Se continui a postare cose su Livorno mi farai diventare matta! Che bello Frà *_*

    RispondiElimina
  6. Anche se non centra nulla con il post ti scrivo il link dove puoi scaricare o vedere in streaming le prime tre puntate de "I pilastri della terra" uno sceneggiato tratto dall'omonimo libro di Ken Follett e molto ben interpretato da Rufus Sewell almeno a giudicare dall prima puntata le altre due devo ancora vederle.
    Volevo mandarti via mail i file ma sono troppo grandi anche compressi, mi dispiace.

    http://www.generation276.org/telefilm/?p=8065

    RispondiElimina
  7. @JOHAN: Io non c'ero mai stato e non sai quante sono le volte che ho chiesto ai miei di portarmici per scattare delle foto! Anche quel giorno ho dovuto insistere.
    Sinceramente mi chiedo come si possa salire sul tetto. Adesso c'è un muro di mattoni da scavalcare per raggiungere le scale che portano in cima.
    Adesso forse le messe nere non ci sono più. Dicevano la stessa cosa del sanatorio abbandonato di Villa Corridi.
    Quando ci sono andato io c'erano i bimbetti a fumarsi le canne...chissà che hanno pensato di me che mi scattavo le foto!
    Tranquillo che farò il bravo bimbo! =)

    @LEBRUNETTE: Grazie mille dei complimenti!

    @ANNACHIARA: Anche la mia città ha deti posti che vale la pena di vedere eh! Son contento che le foto ti piacciano e buon we anche a te.

    @LORAN: Ebbene si, e ce ne sono anche altri in programma da farvi vedere, solo che andare in questi posti per fare delle foto a volte diventa difficoltoso! =)
    Grazie mille della segnalazione del telefilm. Ho letto il libro quando avevo 13 anni!! Ma Rufus Sewell mi piace davvero tantissimo, grazie mille.

    @FRANCOISEMARIANNE: hi hi hi me perfido! Sotto sotto lo faccio apposta!! Così poi quando verrai dalle mie parti dovrò farti fare un giro della città obbligato!

    RispondiElimina
  8. metti sempre post interessanti anche se si poteva scrivere di più sulla travolgente e appassionante love story, fahtta di corna e amore, tra Galeazzo e Edda.lo so, saresti andato fuori tema ma un harmony non si nega a nessuno :D risveglia i nostri animi di casalingUe di Voghera XD. scherzo chiaramente ;) hai un viso molto carino ^_^

    RispondiElimina
  9. Bel post Rano, originale e interessante... Mi hai messo voglia di visitare Livorno, chissà... Beh, se ci passerò ne verrai sicuramente informato! Un bacione :D

    RispondiElimina
  10. @GIUPPYDAURA: Ok ok la prossima volta mi metterò lì a infiocchettare una bellissima e avivncente soap opera tra Galeazzo e Edda. Perfetto. Ma potresti pentirti di avermi dato il suggerimento.
    W le casaLingue!

    @MARINA&CAMILLA: Ci mancherebbe solo che passate e non me lo fate sapere! Tsè! Sono contento che il post vi sia piaciuto. Kiss!

    RispondiElimina
  11. Ciao!

    ho creato un gruppo su facebook per tentare di riunire e pubblicizzare un gran numero di blog italiani. Mi sembra un modo carino e comodo per potersi confrontare e aumentare la visibilità dei nostri blog!
    Se sei interessato, unisciti a noi e pubblica il link del tuo blog sulla pagina di facebook:
    http://www.facebook.com/#!/group.php?gid=153706914659766&ref=ts
    oppure cerca “Blogger Italiani”. Se l’iniziativa ti piace, aiutaci a diffonderla presso amici e/o blogger!

    GRAZIE!
    Ale

    RispondiElimina
  12. sai che un mio amico lo chiamano Ciano!
    ahahah

    RispondiElimina
  13. @LUCIA: Spero che lo chiamate in questo modo per il suo colore!! =)

    RispondiElimina
  14. Ciao Rano,
    sinceramente non so secondo quali strani giri io sia arrivata sul tuo blog, ma mi piace molto! E questa storia è molto interessante, grazie per averla condivisa.
    :)
    Ti seguo

    Lucrezia
    www.thepansyvioletgirl.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. Ok, non riesco a seguirti per un problema di blogger. Lasciami tu un commento sul mio blog, così poi posso ritrovarti e seguirti :)

    RispondiElimina
  16. Ciao Lucrezia. Grazie mille per aver commentato e sono molto contento che la storia ti sia piaciuta. Ogni tanto serve anche scrivere qualcosa di più serio, no?
    Spero riuscirai a seguirmi! =)

    RispondiElimina
  17. Ce ne sarebbero di intrecci amorosi di quel periodo da raccontare allora :) la famiglia Mussolini é piena di spunti! (sorry, ho letto i commenti precedenti ihih...)
    Io ho letto i diari di Ciano alcuni anni fa, famosi per essere rimasti uno dei documenti-fonte di quei giorni.
    Stupenda la vista sul mare e sul verde che si ha da li comunque!

    Come é andata la fiera della creatività, by the way?

    p.s. grazie x essere passato sul blog, in questi giorni sono stata assente causa esami/altri problemi ;)

    RispondiElimina
  18. Benchè sia stato un personaggio particolare Benito, è una fugura parecchio interessante e leggere i diari di Ciano deve essere molto interessante. L'unica cosa è che sono diari che trattano pochissimo la vita privata, lui era uno stratega mi pare...quindi boh...non so se riuscirei a portarli a termine.

    La Fiera della Creatività è stata un pò una delusione. A parte la giornataccia che abbiamo trovato...la nuova disposizione di tutto quanto non mi è piaciuta affatto...devi girare a piedi mezza Firenze per vedere pochissimo. Boh. Speriamo che l'anno prossimo rinsaviscano! =)

    RispondiElimina
  19. Ciao Rano
    ho letto con interesse la tua storia, ma ci sono alcuni punti non esatti. Il monumento venne eretto a Costanzo Ciano, perchè al momento della sua morte era conseiderato il numero 2 del fascismo, indicato da Mussolini a succedergli in caso di morte improvvisa. Costanzo Ciano, essendo livornese, ed essendo arrivato ad alte cariche nello stato, fece per Livorno quello che essun altro politico, ne prima ne dopo è mai stato capace di fare. Ti parlo dell'allargamento della provincia che fino al 1925 arrivava solo a Quercianella, del porto ibndustriale, di aver creato tutta la zona industriale nella zona di stagno, dell'ospedale (all'epoca uno dei più moderni di europa) per non parlare delle stadio e di una mooltidudine di case popolari, e mi fermo qui. Per questo i cittadini di livorno alla sua morte versarono una cospicua somma in donazioni volontarie per ricordarlo nella maniera migliore. Il monumento, non venne interrotto dal regime ascista, ma dalla sua caduta il 25 luglio 1943. Comunque se sei interssato ada vere ulteriori notizie ed altro sulla storia di Livorno contattami, la mia mail è sciba53@tiscali.it.
    Alessandro Santarelli Livorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cia Alessandro, grazie delle correzioni, provvedo subito a scriverti due righe così approfondiamo.

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...