1 dicembre 2010

Allure anni '90


Da qualche penso spesso agli anni in cui ero piccolo, gli anni in cui iniziavo a crescere e capire che cosa volevo. Gli anni '90
Io sono nato nel 1983 quindi quando sono cominciati quegli anni iniziavo la scuola elementare, ma anche se ero sempre molto piccolo e le mie priorità erano regolate dalla schiacciata che mangiavo a scuola e dagli ovetti Kinder Sorpresa, ricordo ancora bene com'era.



Ciò che caratterizza gli anni '90 sono senza dubbio l'uso smodato dei jeans a vita alta. Si usciva da un decennio in cui usava andare in giro con t-shirt larghissime e strappate, le calze portavano anch'esse dei buchi enormi, ma quella era la moda e andava bene così. C'erano inoltre dei colori fluo che vedevi dappertutto, delle cinture e dei giubbotti con le borchie e gli immancabili cappelli tanto cari a Boy George. Questo era quello che "andava" nel decennio degli anni '80.
I '90s si distinguono per una moda un po' meno sopra le righe, dove i colori eccessivi per un attimo vengono accantonati in favore della vita altra dei pantaloni, delle cinture con grandi fasce, e le spalline alle camicette che continuano per il momento ad andare di moda.


Benchè la moda attuale sia ben diversa da quella di 20 anni fa si nota come il modo di vestire delle persone sia cambiato notevolmente. Anni fa esistevano sempre le grandi firme è ovvio, ma non c'era tutta l'ostentazione che c'è adesso. Negli anni '90 vedere che qualcuno andava in giro con qualcosa di firmato era davvero un evento, qualcosa da guardare con ammirazione. E chi aveva quelle cose era fortunato e denotava una certa provenienza sociale.
Adesso che col mercato in espansione abbiamo accolto numerosi fornitori stranieri, capita più spesso di vedere in giro roba griffata ma finta. Ed è per questo motivo che penso con malinconia a gli anni andati. C'era molto più stile con quello che c'era. Bastava una magliettina e un vecchio paio di blue jeans per essere sempre pronto...mentre adesso stile personale è sinonimo di roba contraffatta dai cinesi. Per cosa poi? Per avere la soddisfazione di andare in giro pensando che nessuno si accorga che quella che hai in spalla è un fake?


Meditate gente, meditate.

31 commenti:

  1. Scrivi moooolto moooolto bene sai ?! :D he...mamma mia come è cambiato tutto davvero!!! Un bacio

    RispondiElimina
  2. è VERO è CAMBIATO TUTTO, :-) LE SPALLINE ERANO VERAMENTE MITICHE SE VADO NEL MIO ARMADIO LE RITROVO ANCORA QUELLE GIACCHE CON LE SPALLINE DI 22 ANNI ANCORA IN OTTIMO STATO. UN BACIO

    RispondiElimina
  3. io sono dell'89..quindi li ho vissuti si ma i ricordi sono smangiucchiati! non potrei parlarti di cosa si usava...solo dello scettro lunare di Sailor Moon e "...I'm a barbie girl...in a barbie woooorld...." :)
    quindi mi fido di quello che scrivi tu :)

    http://chicneverland.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. E' sempre un piacere leggerti..e quanta nostalgia :(
    Il chiodo con le borchie <3 Ne ho uno che custodisco con mooolta cura. Era di mia sorella..e lo usava per andare a ballare in discoteca la domenica pomeriggio :P

    RispondiElimina
  5. @ANNACHIARA: Grazie mille del complimento, lo apprezzo davvero un sacco sai? Uno dei motivi per cui son sempre spronato a scrivere giorno dopo giorno.

    @ANCORAQUI: Le spalline sono quel genere di cosa che non stanno bene a tutti. Se le mette una robusta finisce per assomigliare a un armadio...! Però io le ho sempre adorate...e confesso che una volta vorrei poterle indossare!

    @SARAH: Beh io avevo già qualche annetto quindi qualcosa ricordo di più, se penso a come la moda si è evoluta mi scende pure una lacrimuccia!

    @CLOROFILLA: Io non ho nessun chiodo ma devo rimediare! Magari mi sta pure bene, con una bella bandana che ne dici? =)

    RispondiElimina
  6. nostalgia nostalgia canaglia.....
    Bello questo post! Mi hai fatto venire in mente i paninari, le timberlan, la najoleari....
    Però sono del parere che ogni decennio sia affascinante a modo suo!

    RispondiElimina
  7. Certo, visti con gli occhi di oggi gli anni novanta non si distinguevano per l'eleganza, ma sono anni che si ricordano sempre con simpatia. Ti bastava indossare una tuta acetata e ti sentivi un dio, ora ,invece, se non fai vedere la marca sei uno sfigato. Tanta roba è contraffata, ma tanto roba autentica ahimè viene comprata solo per non sentirsi meno degli altri e spesso si rinuncia a cose più importanti pur di lasciare qualche centinaia di euro in un negozio...

    RispondiElimina
  8. Leggendo potrei imparare finalmente qualcosa di moda :)
    Complimenti per aver scritto tutto in modo molto chiaro e simpatico :)

    RispondiElimina
  9. @GUADY: Nooo i paninari!!! La Najoleari!!!! Fantastico! dovrebbero tornare di moda sai? Io sarei un loro grande sostenitore!

    @ANNA: Esattamente. Adesso la gente si veste per piacere a gli altri o per far finta di essere quello che non si è, non più per esprimere se stessi. Ma i peggiori sono coloro che comprano roba costosa senza poterselo permettere...e magari togliersi il pane di bocca!

    @RUSSE: Beh io sono qua apposta sai? Grazie mille del complimento, è sempre piacevole fare qualcosa di utile!

    RispondiElimina
  10. I mie ricordi di gioventù sono di un decennio prima, e mi ricordo ancora lo zainetto Fiorucci di nylon rosso che usavo per i libri di scuola, le cinghie erano talmente sottili che mi segavano le spalle, ma era così di moda, peccato che è andato perso, adesso sarebbe un pezzo vintage.
    Per i falsi ai ragione sono assurdi e denotano poca autostima e personalità, a meno che non siano talmente palesemente falsi e portati con ironia.
    La prima e l'ultima foto del post sono molto belle mi sa che prima o poi ci scappano un paio di disegni.

    RispondiElimina
  11. Wow che modello! :) :) eheh.. kiss

    RispondiElimina
  12. @LORAN: Io le cinghie per i libri le ho conosciute poco, ma qualche volta le ho usate...quando c'erano pochi libri mi piaceva moltissimo. Credo che da qualche parte forse si trovano ancora sai?
    Le persone prendono i falsi principalmente perchè non possono permettersi gli originali quindi dubito che andrebbero in giro con qualcosa che non si avvicini il più possibile all'originale!

    @IMSOGUY: Un bacione grande anche a voi ragazzi! E' sempre un piacere sentirvi.

    RispondiElimina
  13. Io intendevo le cinghie dello zainetto, quelle elastiche per portare i libri a mano anche io non le ho mai usate anche perchè per il sistema scolastico italiano che impone di portare i libri da casa invece di lasciarli a scuole in un armadietto come in america, sarebbe una cosa troppo faticosa.

    RispondiElimina
  14. Verissimo, io che son cresciuto con Beverly Hills 90210 sono sempre stato invidioso di quegli armadietti sai? mi sarebbe davvero piaciuto usarli, peccato che in Italia, e adesso più che mai, la scuola viene vissuta in modo totalmente diverso.

    Ah poi ieri non ho risposto, son contento che le mie foto ti piacciono! A breve pubblicherò anche l'altro disegno che già mi hai fatto. Non so davvero come dirti grazie.

    RispondiElimina
  15. Quanto pagano ed investono nell'istruzione dei giovani lì....

    Oltre gli armadietti, i vari laboratori e le palestre attrezzatissime con i campionati fra le varie scuole, il ballo di fine scuola....la festa di primavera *_*

    RispondiElimina
  16. Si ancora oggi ad esempio mia nipote va a scuola con uno zaino che peserà almeno sette chili, e quando ci andavo io era più o meno lo stesso.

    Il fatto che apprezzi i miei disegni è per me il miglior ringraziamento:), e poi noi artisti siamo un pò tutti egocentrici e anche solo un grazie ci fa molto piacere.:)))

    RispondiElimina
  17. @CLO: Qua in italia pare che non freghi nulla a nessuno, quindi poi non ci lamentiamo se i giovani di adesso sono degli idioti incapaci, buoni solo a correre dietro al nuovo cellulare.
    E' una tradizione e un modo diverso di vedere la scuola, qua da noi nessuno ci va volentieri, viene preso per obbligo e per una roba pallosa e inutile...

    @LORAN: Fortunata allora, credo che la mia cartella pesasse quasi il doppio! Libri troppo pesanti, costosi, e con poco contenuto. Se poi mettiamo che gli insegnanti sono delle capre pure loro...

    Quando ti dico che apprezzo lo faccio sul serio. Sono sincero. E' vero quello che dici degli artisti, ma è anche vero che va riconosciuto il merito a chi se lo merita. =)

    RispondiElimina
  18. ddio è bellissimo questo post. anche io ho spesso questa forma di nostalgia degli anni in cui ero bimbo e mi immaginavo cosa avrebbe significato essere adulto e ora che sono più grande mi guardo indietro e niente è più così.

    la moda degli anni '90 è anche quella dei dr martens, delle generazioni subculturali figlie bastarde degli anni '80, che avevano aperto la via all'Hiv e all'eroina e tutto ciò si rifletteva nella moda in maniera molto creativa...

    a presto Rano

    RispondiElimina
  19. Ho meditato.
    E ho scritto qualcosa. :)

    RispondiElimina
  20. @GIUPPY: Quando si è piccoli tutto sembra bello e affascinante, poi le cose cambiano, ma anche essere adulti ha i suoi lati positivi, si può uscire quando si vuole, si fanno un sacco di esperienze e ci si mette davvero in gioco!
    Come vorrei i dr MArtens!! Mi piacciono un sacco, l'unica cosa è che non so se a me starebbero bene!
    A presto e grazie di essere passato.

    @INELEGANCEWETRUST: Corro a vedere...e stasera commento nel caso!

    RispondiElimina
  21. In quegli anni era tutto diverso e straordinariamente bello, vuoi che eravamo piccoli oppure perchè davvero lo era!
    Lo stile personale e l'originalità che comporta è sempre più raro o appannaggio di qualche designer. Purtroppo ci siamo lasciati tutti contaminare dal griffato, cosa che come dici tu prima era per pochi!

    http://lesvetementspourfemme.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. fluo dici... io avevo un maglione verde fluorescente... mamma mia chi sa che fine avrà fatto...

    RispondiElimina
  23. E' per questo che mi piace disegnarti e leggere il tuo blog, dalle tue parole traspare la tua sincerità.

    RispondiElimina
  24. @LUCILLE: Credo in parte che tutto sembrava bello proprio per il motivo che eravamo piccoli, non credo che i nostri genitori vivano allo stesso modo la cosa sai?
    Tutti vogliono il griffato perchè è simbolo di ricchezza...e chi ha i soldi e si può permettere certe cose, o dare l'impressione di potersele permettere, attira su di sè sempre un certo non so che.

    @MAJIN: Che bellezza...avrei voglia di farli tornare di moda!

    @LORAN: Finisce che mi fai commuovere...

    RispondiElimina
  25. Mi fai venire in mente una cosa che mi è successa proprio oggi...... ero in un negozio di tessuti che ha anche scampoli di stoffa scontati, quando mi capita tra le mani uno scampolo con megastampa con stemma "cheap and chic moschino - collezione primavera estate 1991" (c'era proprio scritto tutto, compreso l'anno :D )
    Ho sorriso perché proprio con la stessa stampa quasi uguale ma senza l'anno scritto, su stoffa trapuntata e pesante la mia mamma mi ci aveva confezionato un giubbottino, all'epoca lavorava in un negozio di stoffe e aveva preso x me quello scampolo di Moschino.... con addosso quel giubbotto mi sentivo fighissima :D a 12 anni :D

    RispondiElimina
  26. a...dimenticavo se ti incuriosisce c'è un mio pezzo in questo numero del magazine rollingstone. è un'intervista che ho fatto a un attore hard.

    p.s. le dr martens ti starebbero assolutanìmente bene. io ne ho due paia, sia basse da tutti i giorni sia quelle alte fino al ginocchio prese a londra, camden town ovviamente

    RispondiElimina
  27. @CHEARLY: Che bel ricordo il tuo sai? Spero che per amore di quel giubbino tu abbia preso lo scampolo di Moschino! =) Cmq Moschino è una delle poche che vanno un sacco tutt'oggi...io ricordo molto bene Cacharel...che invece non tira più di tanto...

    @GIUPPY: Mmmm wow! Un attore hard? Ma gay o no? Cmq domani vedo di trovarlo in edicola,l lo leggerò molto volentieri!
    Le dr Martens a me piacciono quelle alla caviglia, io non sono molto alto e quelle al ginocchio farebbero di me un ometto senza gambe...qiundi meglio non aggiungere carichi da 90! =)

    RispondiElimina
  28. sì sì attore porno gay, François Sagat... comunque guarda che anche io sono un nano, nanissimo, ma con i pantaloni giusti vanno bene anche le dr martens alte!

    RispondiElimina
  29. Uhhh conosco Sagat! Non vedo l'ora di leggerla!
    Io sono alto 1.62....e ho detto tutto. E sui dr martens ci sto facendo un pensierino, di recente mi sono preso a Londra degli skinny davvero carini e potrebbero starci bene!

    RispondiElimina
  30. ^_^ non ho mai creduto che altezza fosse mezza bellezza!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...