6 marzo 2013

Come risparmiare tempo durante lo shopping

Ciao a tutti quanti i miei lettori!
Mi scuso per queste assenze, il più dovute al lavoro e al modellismo, mi ritrovo quindi la sera a buttarmi fuori di casa per continuare ad avere (anche) una vita sociale. Però torno, torno a scrivere, e questo è l'importante.
Questo periodo è un periodo strano per le vendite. Strano perchè le temperature scendono e in negozio, tolto il saldo, inizi ad avere solo cose primaverili. Strano perchè è pure cambiato il modo di fare shopping. Ed è questo in un certo senso l'argomento del post di questo mercoledì 6 marzo.
Tra l'altro ho anche scoperto un sito curioso, in pratica funziona come ShopAlike.it per intendersi, un sito cioè dove viene inserito nel motore di ricerca quello che stiamo cercando e successivamente appare una lista di siti diversi ma che vendono l'articolo in quesitone accompagnato dai prezzi che variano dal più alto al più basso.

Ma veniamo a noi.
Negli ultimi anni, anche per motivi di lavoro oltre che per passione, sento sempre più parlare di shopping on line. Quella pratica insomma che ti porta a metterti davanti a un computer e lanciare una ricerca su internet a caccia dell'articolo che desideri...cercando di risparmiare.

Anni fa, quando era più piccolo e avevo molto più tempo a disposizione da dedicare al vagabondaggio in centro, ricordo che quando cercavo qualcosa che mi piaceva iniziavo col pensare a dove poter scovare quei jeans larghi oppure quella tshirt dai colori accesi (Dio che passione!).
Così prendevo e uscivo di casa e mi avviavo verso il centro città.
Iniziavo a camminare. Guardavo le vetrine. Solo quando intuivo che poteva esserci nel negozio qualcosa che si avvicinava al capo che mi interessava entravo a dare un'occhiata.
Poi guardavo il prezzo.
Se questo era alla mia portata ok. Se era troppo alto la ricerca riprendeva con me che uscivo ed entravo nel negozio successivo. Questo fino a che non trovavo il jeans che mi riempiva l'occhio e nel frattempo non costasse così tanto da farmi arrivare uno scapaccione dai miei non appena tornavo a casa!
Una roba che portava si via del tempo ma ti dava un sacco di soddisfazione se riuscivi nell'ardua impresa!

Adesso le cose non stanno più così. Adesso c'è internet. La caccia alla tshirt multicolor o alla borsa griffata si è spostata su un altro campo di battaglia.
Se prima ci mettevamo il giubbotto e uscivamo per andare in centro, adesso usiamo gli smartphone o al massimo ci prepariamo una tazza di thé e ci sediamo davanti al portatile.
Ma una volta seduti che succede? 
Le opzioni sono più di una.

1- Possiamo iniziare una folle ricerca random digitando il nome dell'articolo in questione.
2- Possiamo cercare sul sito della casa di moda.
3- Possiamo andare su tutta quella serie di siti che hanno un vasto assortimento di merce sia uomo che donna e lanciare lì la nostra ricerca per articolo.

Nel caso 1 credo sinceramente sia una follia. Vera. Visto e considerato quanto vasto e in continua evoluzione sia internet, mettersi lì e sparare parole a caso sul web può risultare parecchio dispersivo, col risultato che dopo un po' ti annoi e resti deluso non aver trovato niente di interessante. Oppure spesso neanche qualcosa che si avvicina a quello che vuoi.

Nel caso 2 si tratta di qualcosa di specifico, legato essenzialmente alla casa di moda in questione. Se una sera guardando la sfilata di Moschino resto a bocca aperta di fronte a un completo panna, è più facile risalire al marchio e quindi raffinare la ricerca in tutti i luoghi dove si vende Moschino.

Nel caso 3 la ricerca pur essendo ampia come sempre, si può godere della vista di cose che magari non avevamo messo in conto ma che alla fine possono andarci bene in ogni caso. Ciò che può succedere però è l'acquisto di qualcosa di diverso dalla nostra idea di origine. Così alla fine ci ritroviamo una felpa nuova e un paio di jeans che continuiamo a volere ma che non abbiamo trovato.
Doh! Come direbbe Homer Simpson.

E quindi? 
Ciò che mi è successo in questi giorni però è una cosa molto carina e utile. Ero a caccia di un paio di occhiali di CK dell'ultima spring summer, solo che nemmeno nel negozio dove vado spesso li ho trovati. Quindi mi sono dato alla caccia in rete. Beh quello che non era mai successo è stato inciampare in uno di quei siti di comparazione di prezzi e lì ho visto che oltre ai miei occhiali avevano anche la linea Jeans e la linea CK. La sfiga è che dopo aver concluso il mio ordine on line non ho salvato il nome di quel sito. 
In questo modo la nostra ricerca dura decisamente meno e non c'è più bisogno di saltare da un sito ad un altro perdendo il carattere per cercare di capire dove possiamo risparmiare. Bastano pochi click e risparmiare tempo e forse anche denaro continuando a stare seduti in poltrona a sorseggiare il nostro thé alla vaniglia.

Perchè non provare?

8 commenti:

  1. Io in genere faccio come nel punto 2 e 3 ma visto che non ho una carta di credito e pago al ricevimento degli articoli, tra spese di spedizione e diritti di contrassegno faccio un ordine quando devo spendere una certa cifra (cosa che capita molto raramente) insomma non posso comprare una maglietta che costa venti euro e spenderne dieci di spedizione e contrassegno. Comunque anche se viviamo nell'era di internet ultimamente ho riscoperto l'acquistare nei negozi reali anche se con la crisi tendono ad essere non molto forniti e a volte bisogna fare qualche giro in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Se da una parte internet è comodo dall'altra è stata un po' una zappata sui piedi. Ha tolto un sacco di lavoro e messo in crisi un sacco di bei negozi che hanno iniziato a chiudere in famore dei cinesi o di catene low cost...

      Elimina
    2. Si è vero, l'unico appunto da fare è che (almeno qui a Roma) grandi nomi come Coin o la Rinascente dovrebbero organizzane meglio l'esposizione della merce perchè a volte è difficile cercare in scaffali posti a due metri di altezza a meno che non si è un giocatore di basket, e ogni tanto riordinare un po' anche se in questo abbiamo un po' di colpa noi acquirenti che siamo un po' disordinati.

      Elimina
    3. C'è un casino immane anche dalle mie parti. Lo so. Ma a volte è davvero difficile tenere tutto in ordine, specie coi saldi.
      Diciamo che ci vorrebbe un po' più di educazione per tutti.

      Elimina
  2. grazie mille del suggerimento caro :D anche io non ho più molto tempo per girare fra i negozi, in genere se faccio shopping è perchè mi serve quindi vado a colpo sicuro, però a volte è davvero snervante, una lotta contro il tempo o.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato non avere più tempo per gironzolare in giro, era una delle cose che più mi davano soddisfazione. Adesso e' sempre tutto di corsa come dici tu...

      Elimina
  3. buoni i tuoi suggerimenti, ma io sono una creatura tradizionale...
    amo stressarmi correndo su e giù per i negozi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in un negozio ci lavoro pure, quindi pensa te!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...