20 novembre 2012

Angel

Se è vero che le bombe vengono sganciate voglio iniziare anche io. In modo del tutto innocente (ma anche no) si intende. Lo faccio anche per far sapere a qualcuno cosa pensassi io nella realtà.
Ho detto già che la recitazione serve, no?

Il tipo in questione lo chiamerò Angel. Ma non era per nulla un angelo. Bellezza e stile di vista pensate? Nessuna delle due.  Angel era una di quelle persone totalmente prive di stabilità. Nel vero senso della parola. 
E tu che ci stavi a fare insieme allora? Purtroppo ci sono dei momenti in cui ti capitano di fronte delle persone e non sei tu dover scegliere la convivenza. Con un tipo come quello poi. Ma partiamo come sempre dall'inizio. Un inizio in sordina.

Il mio ex, si perchè volente o nolente si torna sempre lì, una volta se ne esce dicendomi che si sentiva con un tipo di Livorno in chat. A parte che sta roba della chat e che ogni tre per due lui se ne uscisse con queste affermazioni mi faceva strano eh, però oh, io mai stato il fidanzato rompiballe quindi deh tranquillo no?

C'è anche da dire che manco dopo averlo conosciuto e dopo averlo frequentato un po' sono riuscito ad avere più informazioni in grado di capire come fosse fatto. Forse perchè da sapere non c'era poi molto. 
Nella vita faceva una roba con la matematica. E issati. Non mi son mai arrischiato ad approfondire l'argomento perchè era uno di quelli che se gli buttavi lì una domanda su quello che studiava partiva con una filippica infinita e se ne sbatteva se tu lì davanti avevi la schiuma alla bocca. 
Cosa successa realmente. A me. A me che manco ricordo le tabelline. 
Però io, personcina figa, non volevo offendere quelle 3 cose che pareva sapere della vita reale.

Fatto sta che Angel inizia a uscire col mio tipo di allora. Diffidente fin dall'inizio visto che manco sapevo chi era. Ti ritrovi in situazioni come queste che ti inizia fare mille domande della serie vanno a letto insieme? Vuole una roba a te? ecc ecc. 
Nessuna di queste. 
La cosa che rompeva di brutto era che il mio ex se lo portava sempre dietro. Sempre.
Uscivano il sabato? Angel c'era.
Volevo passare la serata con mio raga? Angel c'era.
Sempre. Più volevo tenermi alla larga da sto tizio e più me lo ritrovavo in giro. 

Son finito anche per chiedermi se al mio ex gliene fregava qualcosa di me visto che c'aveva bisogno dell'accompagnatore. 
Secondo voi cosa mi frenava dal non staccare la testa al mio ex quando magari eravamo impegnati in pratiche particolari e rispondeva a Angel che lo chiamava sull'iphone?

Con Angel credo sia iniziato la fine della storia tra me e il tizio.
Ai tempi però ero così cieco che una talpa mi avrebbe tranquillamente posato una zampa sulla spalla dicendomi è dura la vita. Più che con Angel, che non aveva colpa se il mio ex era così stupido da preferire prima telefonare a lui che a me, ce l'avevo con la mia dolce metà.

Cosa sapevo di Angel? A parte che era una mignatta he non ti si scollava mai di dosso manco quando glielo dicevi in faccia, sapevo essere una assiduo frequentatore di chat e siti di incontri. Lo sapevo perchè stava sempre incollato al cellulare raccontando che incontrava questo e quello a destra e a manca bastava che respiravano.
O che fossero piccoli. Perchè a lui i ragazzi della sua età non piacevano. Adorava i ragazzini, quelli che in gergo gayo vengono chiamati twink. La volta che mi sono azzardato a chiedergli come mai poi volevo gettarmi dal grattacielo di piazza Roma.
"Come perchè? Perchè sono quelli timidi e inesperti che poi fanno le magie" questa fu la risposta. Ciò denota la profondità nella ricerca di un rapporto serio con una persona.
Angel era capace di farsi chilometri in macchina solo per andare a limonare coi ragazzini. E rischiare la galera. C'era però chi lo faceva ragionare.

Poi c'erano i momenti in cui i mio tipo si lamentava che non ci si vedeva mai e io mi scapicollavo a casa sua uscito dalle prove o uscito da lavoro stanco morto. E trovavo a casa sua anche Angel.  Capite quanto la cosa fosse diventata insopportabile.

Saltava da un posto all'alto come fosse nulla. Diceva di cercare qualcosa o qualcuno di serio e puntualmente si trovava in dei casini che manco mi ricordo. Se vi state chiedevo che male avesse fatto a me vi rispondo nessuno. Mi rompeva solo il fatto che era sempre di mezzo. E mi rompeva il fatto il mio ex lo trascinava in ogni dove.
Non contiamo poi che è stata la grande persona che ha portato il mio ex all'arcigay facendogli conoscere lo stuolo di gente che predicava comprensione e amicizia e che poi se poteva ti voltava le spalle come nulla. Da qua l'iperbole discendente di tutto quanto. Da qua iniziano tutta quella serie di eventi che hanno portato alla trasformazione del mio ex in un discotecaro senza eguali. Ciò che non era mai stato.

Ma la storia mica finisce qua...

6 commenti:

  1. Anche questo capitolo inizia "bene" si fa più interessante e intrigante di una puntata di Desperate Housewives. ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo non pensavo di fare questo effetto!

      Elimina
  2. Eh no dico! Ma te c'hai preso gusto a lasciarci a metà o peggio ancora anche prima della prima parte!!
    Di sicuro, stai diventando un ottimo sceneggiatore :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaah non credo sarò mai uno sceneggiatore! Ma scrivere in un certo modo mi piace e ogni tanto far sapere anche altro oltre la moda mi fa piacere!

      Elimina
  3. Il bello di questa triste vicenda è che è scritta al passato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ha avuto ripercussioni anche sul presente..

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...